Il carcere di Trani
Il carcere di Trani
Cronaca

Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande

Si sono svolti ieri tra il carcere di Trani e Molfetta: gli avvocati proveranno a mettere in discussione la qualità delle immagini

C'è chi guarda già al Riesame, chi ha scelto il silenzio e chi ha risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, a dodici ore dagli arresti dei cinque maggiorenni, ritenuti responsabili di avere trasformato a Capodanno il centro di Molfetta nel teatro di una guerriglia urbana.

Sono gli interrogatori di garanzia, avvenuti nel primo pomeriggio di ieri, fra il penitenziario di Trani, dove sono stati trasportati il 21enne Daniele De Pinto, i 22enni Felice Allegretta e Massimiliano Squeo ed il 26enne Antonio Gigante, e Molfetta, a casa dell'unico indagato confinato ai domiciliari, il 23enne Stefano Cormio. A tutti sono stati contestati i reati di danneggiamento e di pubblica intimidazione con l'uso di ordigni e materiale esplodente, introdotto dal decreto legge Caivano.

Allegretta, difeso dall'avvocato Michele Salvemini, e Gigante, patrocinato dall'avvocato Antonio Modugno, hanno scelto entrambi la strada difensiva del silenzio. De Pinto, assistito dall'avvocato Mauro Palma, ha risposto alle domande del giudice, respingendo parzialmente gli addebiti, mentre Cormio, difeso dall'avvocato Angelantonio De Palma, ha fornito i suoi chiarimenti: per tutti, compreso Squeo, assistito dall'avvocato Giovanna Vista, il gip ha confermato le misure cautelari.

I legali, alcuni dei quali già si stanno preparando ad andare al Riesame per chiedere revoche o misure meno afflittive rispetto al rigore carcerario, punteranno, tra le altre cose, a mettere in discussione la qualità delle immagini e a invalidare in tal modo le identificazioni. Proprio quei frame, scandagliati dai Carabinieri, hanno permesso di identificare i cinque maggiorenni, «in ragione dei loro precedenti penali, ma anche dai dettagli dell'abbigliamento e dei tatuaggi presenti sugli arti».

Secondo la Procura della Repubblica di Trani, sarebbero loro gli autori di quanto avvenuto in città a Capodanno quando, in piazza Vittorio Emanuele, un gruppo di ragazzi ribaltò un'auto sistemando nel vano motore alcuni petardi: gli indagati, infatti, «approfittando dei festeggiamenti» avrebbero seminato «il panico tra le vie cittadine, capovolgendo e vandalizzando anche un'autovettura in sosta, colpita dal lancio di numerosi petardi ed ordigni artigianali nel tentativo di incendiarla».

Azioni riprese tramite smartphone e diventate virali, che hanno provocato «momenti di grande tensione durante i quali l'euforia per i festeggiamenti ha lasciato il passo a delle azioni criminali incontrollate» da parte di chi «senza alcuna remora, aveva pure ripreso le gesta compiacendosene mentre le divulgava sui social».
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Daniele De Pinto
  • Felice Allegretta
  • Massimiliano Squeo
  • Antonio Gigante
  • Stefano Cormio
Altri contenuti a tema
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta Perquisizione in casa, spunta la cocaina. Arrestate due donne di Molfetta In manette una 48enne e una 41enne, entrambe già note: sequestrati dai Carabinieri anche 2 grammi di hashish e 745 euro
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Guerriglia urbana a Capodanno, il Riesame smussa le ordinanze cautelari Raffica di provvedimenti decisi dal Tribunale sulle richieste di scarcerazione degli avvocati. In tre passano dal carcere ai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.