Paolo Poli
Paolo Poli
Calcio

Coppa Italia: il Gravina dà tre sberle alla Molfetta Sportiva

Allo stadio P.Poli finisce 1-3. A segno Scaringella, Vitale, Gentilesca e Rana

Prima stazione e prima fermata. La Molfetta Sportiva si ferma. Come noto l'essere umano ha bisogno di tempo. Deve adattarsi alle nuove situazioni e non sempre è facile. Vale per la temperatura: passare dall'inverno all'estate richiede una reazione non banale. Passare da una situazione di entusiasmo assoluto a uno di relativa delusione necessita uno sforzo che non è da tutti.

Questa è esattamente la condizione attuale della Molfetta Sportiva. Qualche giorno fa poteva vantarsi di competere per obiettivi eccelsi, adesso la dimensione è cambiata, i pugni in faccia presi dal Gravina hanno fatto un male cane, per potersi rialzare. Ma provare a rialzarsi è d'obbligo. Le tre sberle hanno una precisa identità e portano i nomi di Scaringella, Gentilesca e Rana (calcio di rigore). Troppo poco la rete di Vitale ad inizio ripresa. Per vincere e convincere servirebbe qualcosa in più di quello che si è visto contro il Gravina, anche se è umano il rischio di farsi ingannare dal risultato finale.

Guardare avanti quando ci si chiama Molfetta Sportiva è un obbligo, ma guardarsi indietro è una buona precauzione. Non c'è nessuna aritmetica che preclude ancora gli obiettivi massimi di una stagione intera. La logica parla in altro modo. Parla di una Molfetta Sportiva che sta pagando pesantemente lo sforzo di aver cambiato tanto sul mercato. Ci vuole tempo e pazienza. Condizioni difficili per una piazza esigente come quella molfettese. Ma il tempo è galantuomo, e se son rose i risultati arriveranno.

La fortuna di Fumai in questo momento si può individuare su un questo piano. Tanto per cominciare, la fortuna di chiamarsi Molfetta Sportiva. E poi Muzio ha la fortuna di avere a disposizione delle grandi individualità, che possono risolvere delle situazioni di imbarazzo con giocate individuali anche quando il progetto collettivo sembra in fase di disgregazione.

Certo è che la fortuna e le fiammate non possono essere sufficienti per tentare di ravvivare il partite iniziate male e finite peggio. La consolazione per il tecnico molfettese può arrivare dal luogo comune più amato dagli allenatori: le vittorie chiamano vittorie, ma è dalle sconfitte e dalla correzione degli errori che si deve migliorare. Anche quando si stecca alla prima stazione.
  • Calcio
  • molfetta sportiva
Altri contenuti a tema
Eccellenza, in attesa dei play-off si sono disputati i play-out: i risultati Eccellenza, in attesa dei play-off si sono disputati i play-out: i risultati Inizia a chiarirsi il quadro verso il girone unico 2024/25
Termina la regular season di Eccellenza 2023/24: i verdetti finali Termina la regular season di Eccellenza 2023/24: i verdetti finali A chiusura della 26^ giornata si chiarisce il quadro di play-off e play-out
Ultima giornata di Eccellenza pugliese: i risultati Ultima giornata di Eccellenza pugliese: i risultati Ultimo turno a chiudere la regular season
Oggi Molfetta Sportiva e Borgorosso salutano il campionato di Eccellenza Oggi Molfetta Sportiva e Borgorosso salutano il campionato di Eccellenza Sfide, ormai inutili per la classifica, contro Unione e Polimnia
Presentato il progetto del centro di salute mentale di Molfetta con la squadra Aquile Azzurre Presentato il progetto del centro di salute mentale di Molfetta con la squadra Aquile Azzurre La riabilitazione sociale dentro e fuori dal campo
Prima Categoria, colpo salvezza per la Virtus Molfetta Prima Categoria, colpo salvezza per la Virtus Molfetta Successo fondamentale in casa del Real San Giovanni
Mondiale 2026, svanisce il sogno di qualificazione del CT Annese Mondiale 2026, svanisce il sogno di qualificazione del CT Annese Il suo Nepal è aritmeticamente fuori dal terzo turno asiatico
L'ex Molfetta Assane Diame aggredito dai tifosi del Bitonto: ha lasciato il club neroverde L'ex Molfetta Assane Diame aggredito dai tifosi del Bitonto: ha lasciato il club neroverde Il portiere classe 2004, in biancorosso nella scorsa stagione, è rimasto turbato dal vile attacco
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.