Salvetti
Salvetti

Tragedia della Moby Prince, oggi la commemorazione dei caduti a Livorno

Quattro molfettesi persero la vita. Il sindaco Salvetti: «Una ferita aperta che merita giustizia»

Dall'aula consiliare del Palazzo di Città di Livorno, ha parlato poco fa il sindaco Luca Salvetti in una diretta streaming per commemorare i caduti del traghetto Moby Prince: fu una delle più gravi tragedie che abbia colpito la Marina mercantile italiana dal secondo dopoguerra. Ricordiamo come, in quel 10 aprile di 29 anni fa, persero la vita 140 persone fra cui anche 4 molfettesi: Giovanni Abbattista (46 anni), Natale Amato (53 anni), Giuseppe de Gennaro (29 anni) e Nicola Salvemini (36 anni).

«Oggi mi trovo in una sala vuota - esordisce il primo cittadino livornese - come vuota è Livorno e come vuote sono le strade di tutta Italia. La commemorazione di oggi è ovviamente ben diversa da quelle degli scorsi anni, vista l'emergenza Coronavirus che sta attanagliando la nostra nazione e il mondo intero. Ogni città, comunque, ha il dovere di conservare vivo la memoria e il ricordo degli eventi che hanno segnato la propria storia. La tragedia della Moby Prince rappresenta una ferita ancora aperta nella collettività e nel cuore di tante famiglie che in quella maledetta serata del 10 aprile 1991 hanno perso dei loro cari».

Un giorno dedicato al ricordo ma anche all'importanza di conoscere la verità: «L'evoluzione degli eventi negli anni, purtroppo, non è stata capace di dare alcun conforto ai familiari delle vittime. Le indagini non sono ancora riuscite a restituirci elementi certi che noi tutti dobbiamo pretendere di avere, per rispetto di chi ha perso la vita quel giorno e per l'importanza di conoscere la verità. Il dovere di tutti noi è quello di rendere giustizia il prima possibile a tutti coloro che hanno vissuto sulla propria pelle questo drammatico evento».

«Possiamo essere fiduciosi - conclude Salvetti - nel lavoro della Procura che ha riaperto le indagini dopo il deposito della relazione da parte della Commissione parlamentare d'Inchiesta. Ora non possiamo che darci appuntamento al prossimo anno, quando potremmo abbracciarci nuovamente e magari vivere questo giorno di memoria con più certezze su quanto è accaduto in quel giorno che fa ancora tanto male».
  • moby prince
Altri contenuti a tema
Moby Prince, dalle immagini satellitari la svolta? Moby Prince, dalle immagini satellitari la svolta? La notizia lanciata da "Il Corriere della Sera"
Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Emanuele Abbattista, il figlio di una delle quattro vittime molfettesi, fa il punto della situazione giudiziaria
Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Nel drammatico rogo del 10 aprile 1991 persero la vita quattro nostri concittadini
1 Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Fotografie, occhiali, targhe, chiavi, biglietti consegnati dalla Polmare di Livorno
Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Il Comune di Molfetta rappresentato da Paola Natalicchio, Dario de Robertis e Sergio de Candia
Le Iene: «Una terza imbarcazione coinvolta nella tragedia del Moby Prince?» Le Iene: «Una terza imbarcazione coinvolta nella tragedia del Moby Prince?» Gaetano Pecoraro approfondisce, in un servizio, quanto scritto nella relazione della Commissione del Senato sul disastro
Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Angelo Chessa, figlio del comandante del traghetto: «Vergogna per la giustizia italiana»
3 Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Ieri presentata la relazione della commissione d'inchiesta del Senato
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.