Dott. Felice Spaccavento (Foto Vincenzo Bisceglie)
Dott. Felice Spaccavento (Foto Vincenzo Bisceglie)

A breve il sostituto del dottor Spaccavento come coordinatore del progetto per l'ospedale unico

Gli attivisti: «No alla desertificazione sanitaria. Difendere il diritto alla salute»

Le dimissioni del dr. Spaccavento sono state un trauma anche per noi. Ma hanno avuto il merito di smuovere le acque e di attirare l'attenzione sul discorso dell'Ospedale Unico.
Noi vogliamo allargare ulteriormente la platea degli interlocutori attraverso un giro informativo e di consultazione con i rappresentanti politico-istituzionali del territorio oltre che regionali.

Nei prossimi giorni nomineremo il nuovo Coordinatore.

Vogliamo fare la nostra parte per creare un clima di confronto costruttivo che miri all'obiettivo essenziale: tutelare la salute pubblica in un Territorio di 200mila persone che rischia il genocidio sanitario se le poche, scarse e sparse strutture non saranno velocemente accorpate e ottimizzate in un Ospedale Unico.

Nessuno può in buona coscienza prendersi questa responsabilità.
Noi siamo a disposizione per aiutare a capire, e per capire noi stessi quali sono gli ostacoli effettivi che ancora si frappongono a questi obiettivi minimi di civiltà.


All'esercizio effettivo del Diritto alla Salute garantito dall'art. 32 della nostra Costituzione.

Diciamo NO alla desertificazione sanitaria delle già insufficienti strutture attuali.
Diciamo NO al trasferimento forzoso di tali strutture altrove.
Diciamo NO all'allungamento dei tempi e dei percorsi di cura che questi trasferimenti comporterebbero con grave danno della prestazione sanitaria per tutti i Cittadini di Molfetta, Corato, Terlizzi, Giovinazzo, Bitonto, Ruvo e relative frazioni.
Diciamo NO alla logica di smembramento e desertificazione sanitaria di un Territorio che paga già oggi pesantemente colpe non sue.
Diciamo NO al genocidio sanitario cui verrebbero condannati 200mila cittadini incolpevoli, vittima dell'incapacità dei propri pubblici amministratori o di giochi spartitori che riservano loro il destino di prede e vittime.
  • ospedale nord barese
Altri contenuti a tema
Mario Albrizio: «Disastro sanitario nel nord barese» Mario Albrizio: «Disastro sanitario nel nord barese» Le parole del neo coordinatore del movimento per l'ospedale unico del nord barese
Mario Albrizio nuovo coordinatore del progetto per l'ospedale unico Mario Albrizio nuovo coordinatore del progetto per l'ospedale unico Prende il posto del dottor Felice Spaccavento
Ospedale unico del Nord Barese, scelta tra Molfetta e Corato? Ospedale unico del Nord Barese, scelta tra Molfetta e Corato? Chiude il reparto di Chirurgia all'ospedale "Sarcone" di Terlizzi. Divampano le polemiche
Comitato per l'ospedale unico a Emiliano: «Faccia presto e bene» Comitato per l'ospedale unico a Emiliano: «Faccia presto e bene» «La Commissione tecnica è in dirittura d'arrivo»
2 Ospedale del Nord Barese: è guerra tra Molfetta, Terlizzi e Corato? Ospedale del Nord Barese: è guerra tra Molfetta, Terlizzi e Corato? Il sindaco di Terlizzi rilancia: «Disponibili ad ampliare la viabilità intorno al Sarcone»
1 Ospedale Nord Barese, il 4 giugno il sindaco di Terlizzi incontrerà Michele Emiliano Ospedale Nord Barese, il 4 giugno il sindaco di Terlizzi incontrerà Michele Emiliano Parleranno di ospedale del Nord Barese e dell'offerta di salute sul territorio
5 Emiliano e l'ospedale unico del nord barese: «Tra i sindaci una guerra civile» Emiliano e l'ospedale unico del nord barese: «Tra i sindaci una guerra civile» Forte dichiarazione del Presidente regionale: «Irrilevante dove fisicamente sta un ospedale»
1 Ospedale del Nord Barese, il Forum chiama all'appello i cittadini Ospedale del Nord Barese, il Forum chiama all'appello i cittadini Riprendono le attività del comitato per la realizzazione del progetto
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.