I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Sorpreso a rubare nel centro commerciale. Arrestato un 34enne

L'uomo ha asportato ricambi elettrici per auto del valore di 300 euro. Dopo la direttissima, è tornato in libertà

È finito ai domiciliari, prima di tornare in libertà, al termine della direttissima, un 34enne incensurato di Ruvo di Puglia, V.C. le sue iniziali, arrestato dai Carabinieri, che lo hanno sorpreso e rincorso, dopo aver rubato ricambi elettrici per autoveicoli, per un valore di circa 300 euro, all'interno del centro commerciale di Molfetta.

Stando a quanto ricostruito dai militari in una nota, il gestore dell'esercizio commerciale, dopo essersi accorto, grazie all'impianto di videosorveglianza, che l'uomo, sino a quel momento sconosciuto alle forze dell'ordine, aveva appena scartato alcuni prodotti dagli involucri originali e dopo aver eliminato l'antitaccheggio, li aveva deposti nel suo marsupio, ha chiamato il 112, chiedendo subito l'intervento dei Carabinieri, giunti velocemente sul posto con una gazzella dell'Aliquota Radiomobile.

All'arrivo dei militari, l'uomo, dopo aver superato le casse del negozio, si è precipitato nei pressi dell'uscita. Fermato e sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di diversi ricambi elettrici per autoveicoli, per un valore di circa 300 euro. Il ladro, però, vistosi scoperto, non si è arreso. Ha tentato di svignarsela a piedi, ma i Carabinieri lo hanno inseguito e, dopo circa 300 metri, lo hanno raggiunto, immobilizzato, ammanettato e condotto presso gli uffici militari di via Vittime di Nassirya.

Tratto in arresto, il 34enne, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria competente, sul presupposto del suo stato di incensuratezza, è stato dapprima sottoposto agli arresti domiciliari in attesa della direttissima e, successivamente, rimesso in libertà. La refurtiva recuperata, infine, è stata consegnata al gestore del negozio.
  • Furti Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta Rubano un'auto, ma finiscono fuori strada: ladri in fuga a Molfetta È successo sulla provinciale per Terlizzi. Prima di fuggire, i banditi hanno dato fuoco ad un'auto
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini Arresti per i fatti di piazza Paradiso, il plauso del sindaco Minervini «Brillante operazione». Quell'episodio destò «particolare allarme per la sicurezza cittadina»
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
Ladri in trasferta a Barletta: padre e figlio denunciati dalla Polizia Ladri in trasferta a Barletta: padre e figlio denunciati dalla Polizia I due, di 47 e 18 anni, sono stati sorpresi mentre tentavano di scassinare il portone di uno stabile
«A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» «A Molfetta comandava Manganelli». La difesa: «È pura fantasia» Secondo due pentiti «bisognava chiedergli il permesso prima di avviare un cantiere». Poli: «Fiduciosi di chiarire»
Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Minervini: «A Molfetta due pattuglie in più dei Carabinieri» Per il sindaco si tratta di «una risposta importante da parte delle istituzioni e delle forze dell’ordine»
Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Maxi-sequestro da 50 milioni a Molfetta: le indagini iniziate nel 2016 Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dai Carabinieri dopo una serie di controlli stradali
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.