L'intervento dei Carabinieri
L'intervento dei Carabinieri
Cronaca

Rapina sull'Intercity, incastrato dalle telecamere: arrestato un 36enne

Prima di dileguarsi, l'uomo ha anche palpeggiato la ragazza. È stato rintracciato dai Carabinieri e rinchiuso in carcere

Ieri sera, poco dopo le ore 19.00, i Carabinieri della Compagnia di Molfetta, a seguito di una richiesta pervenuta alla centrale operativa del 112, sono intervenuti presso la locale stazione ferroviaria.

Qui, all'interno di un vagone del treno Intercity partito da Bologna e diretto a Bari, in prossimità della stazione di Molfetta, come già anticipato da MolfettaViva.it, uno sconosciuto, approfittando dell'assenza di altri passeggeri, dopo aver colpito al volto una 26enne, anche lei di Molfetta, le ha sottratto il borsello. Nella circostanza, l'uomo, parzialmente travisato, all'apertura delle porte, si è dato alla fuga, dileguandosi a piedi nelle vie circostanti.

All'arrivo dei Carabinieri, mentre la vittima veniva soccorsa e trasportata da personale del 118 presso il Policlinico di Bari per le cure del caso, sono scattate le ricerche del rapinatore. Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bari per i rilievi e gli accertamenti tecnico-scientifici. Per tale evento, il traffico ferroviario è rimasto bloccato per circa 30 minuti, riprendendo poi regolarmente.

Di fondamentale importanza per le indagini svolte dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile nell'immediatezza del fatto, oltre alle dichiarazioni rese dalla vittima e le testimonianze raccolte da alcuni avventori che sostavano nei pressi del bar della stazione ferroviaria, sono state le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza che hanno consentito agli stessi militari intervenuti di riconoscere ed identificare il rapinatore in D.D.C., 36enne del luogo.

L'uomo, nel corso della notte, è stato rintracciato e arrestato, nei pressi di Bitonto, poiché ritenuto responsabile di rapina aggravata e violenza sessuale di minore gravità. La ragazza, infatti, mentre era rimasta da sola nello scompartimento, dopo essere stata colpita con pugni e calci al volto, oltre a subire l'asportazione del proprio borsello, è stata anche palpeggiata, sui pantaloni, nelle parti intime.

Fortunatamente l'azione delittuosa del malfattore è terminata con la sua fuga non appena il treno, giunto alla fermata di Molfetta, ha aperto le porte dei vagoni. Le immediate ricerche hanno consentito, inoltre, di ritrovare in un bidone dei rifiuti, sito nei pressi della stessa stazione ferroviaria, il borsello sottratto alla vittima, privo del denaro ammontante a circa 50 euro, ma con all'interno ancora i documenti d'identità della ragazza.

L'arrestato, su ordine della competente Autorità Giudiziaria, è stato tradotto presso la casa circondariale di Trani.
  • Rapine Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale Un 36enne di Molfetta, condannato a 4 anni, avrebbe rapinato e palpeggiato una 26enne. Ma il Tribunale lo ha assolto dall'accusa più grave
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.