Ospedale Molfetta
Ospedale Molfetta
Cronaca

Pronto soccorso: lavori di ristrutturazione poco convincenti

Si prevedono disagi per i pazienti, tanto per cambiare

Il «Don Tonino Bello», un ospedale che è un cantiere aperto da ormai due anni. Due anni di disagi per gli utenti ma giustificati da ristrutturazioni che renderanno il nosocomio più funzionale e «moderno». Almeno queste le intenzioni. Nel frattempo però i disagi si sono estesi anche al Pronto soccorso, alle sue vie d'accesso, non più semplici e privilegiate, ma tortuose e scomode. Soprattutto per chi giunge in cerca di assistenza con mezzi propri.

E proprio sul pronto soccorso si stanno concentrando adesso gli interventi di ristrutturazione. Interventi che dovrebbero durare un mese. Il progetto dovrebbe prevedere un accesso pedonale e un accesso per le ambulanze. Dovrebbe. Perché la soluzione prospettata da chi ha progettato quegli interventi non convince neanche i sanitari che in quel posto di emergenza operano e lavorano.
Nell'attuale slargo d'accesso dovrebbe essere rimossa una struttura attualmente esistente, portandola a livello stradale. Per far posto alle ambulanze che arrivano con a bordo ammalati e feriti. Quello che appare poco chiaro, però, è la gestione degli spazi interni. I pazienti arrivati con mezzi propri, in attesa di essere visitati, dovrebbero attendere il turno di visita in quella così detta «camera calda». Quel luogo cioè dove arriveranno gli utenti trasportati dalle ambulanze. E poi lunghi corridoi prima di arrivare agli ambulatori.

Questa sarebbe la soluzione prospettata da un progetto che potrebbe non aver tenuto conto delle singole esigenze dei pazienti prima e degli operatori sanitari poi. Con una inevitabile promiscuità che non appare la migliore per la tutela della salute di tutti. E perché no, anche per la tutela della privacy di ognuno.

Secondo gli operatori sanitari altre soluzioni sarebbero possibili. I tempi per modificare il progetto ci sarebbero tutti. A patto però che gli ingegneri progettisti abbiano la volontà di ascoltare altre voci, quelle di chi nel pronto soccorso lavora ogni giorno, e altre soluzioni. Nel frattempo, per poter rendere funzionale il pronto soccorso durante i lavori di ristrutturazione, la soluzione paventata è quella di «aprire» al passaggio delle ambulanze l'ingresso principale del Don Tonino Bello. Ma dovrebbe essere realizzata prima una rampa che permetta alle barelle di essere scaricate. E poi i pazienti «barellati» dovrebbero attraversare tutti i corridoi dell'ospedale prima di arrivare al Pronto soccorso.

E in operazioni dove la tempestività nei soccorsi è fattore principale, gli «intoppi» lungo il lungo percorso potrebbero essere determinanti. Altre soluzioni possibili? Forse i medici potrebbero darle. Basterebbe ascoltarli.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Ospedale
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Nunzia Azzollini, la “Lady di ferro” dell’hub: «Il vaccino è un diritto dell’individuo, ma è anche un dovere sociale» Nunzia Azzollini, la “Lady di ferro” dell’hub: «Il vaccino è un diritto dell’individuo, ma è anche un dovere sociale» L’ex responsabile del Centro vaccini di Molfetta si è raccontata ai nostri microfoni
Carenza di personale nei Pronto soccorso, Tammacco: «Un problema serio» Carenza di personale nei Pronto soccorso, Tammacco: «Un problema serio» Le parole del consigliere regionale riferite anche alla situazione di Molfetta
Visite gratuite per prevenire e curare l'incontinenza anche all'ospedale di Molfetta Visite gratuite per prevenire e curare l'incontinenza anche all'ospedale di Molfetta Sono tre le unità di Urologia attive per la Asl Bari: presenti anche Monopoli e il "Di Venere"
Ospedale di Molfetta, l'Asl Bari conferma i posti letto di cardiologia e gli altri reparti Ospedale di Molfetta, l'Asl Bari conferma i posti letto di cardiologia e gli altri reparti Comunicazione della direzione generale al Sindaco
Disegna e risponde alle domande mentre la operano a un tumore al cervello. La storia di una donna di Molfetta Disegna e risponde alle domande mentre la operano a un tumore al cervello. La storia di una donna di Molfetta La donna è stata operata dall'equipe diretta dal prof. Francesco Signorelli al Policlinico di Bari
«Continuiamo la battaglia contro il virus onorando la memoria delle vite spezzate dalla pandemia» «Continuiamo la battaglia contro il virus onorando la memoria delle vite spezzate dalla pandemia» Dichiarazione del presidente regionale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata, dottor Potito Salatto
Tammacco interviene sul potenziamento dell'ospedale di Molfetta Tammacco interviene sul potenziamento dell'ospedale di Molfetta Il commento del consigliere regionale molfettese
In Puglia uno sportello dedicato ai bambini con malattie rare, nel segno di Aurora e Federico In Puglia uno sportello dedicato ai bambini con malattie rare, nel segno di Aurora e Federico Ieri la simbolica cerimonia con due alberelli piantati all'Ospedale Giovanni XXIII di Bari
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.