guglielmo minervini
guglielmo minervini
Politica

Paolo Gentiloni ricorda la figura di Guglielmo Minervini

Il 28 luglio nell’Auditorium Odegitria della Cattedrale di Bari

Elezioni Regionali 2020
A due anni dalla scomparsa di Guglielmo Minervini, la fondazione intitolata al suo nome ha organizzato una serata per riflettere sul ruolo del mar Mediterraneo, antichissimo crocevia di genti e di culture. La manifestazione – che si terrà sabato 28 luglio, a partire dalle 19.30, nell'Auditorium Odegitria della Cattedrale di Bari – si chiama proprio così: "Mediterraneo / la Pace tra civiltà, popoli e religioni".

L'iniziativa è imperniata su appuntamenti diversi. Il primo (alle 19.30) è l'incontro con Carla Quaranta, fondatrice dell'associazione Coppula Tisa di Tricase (Lecce). Presenterà il progetto "Gallery della cittadinanza attiva". Rappresenta uno dei tanti segni lasciati dall'indimenticabile Guglielmo Minervini, per molti anni assessore regionale alle politiche giovanili e alla partecipazione. Subito dopo, alle 20.15, don Franco Lanzolla, parroco della Cattedrale, introdurrà la discussione sul Mediterraneo. A seguire il giornalista del "Corriere del Mezzogiorno", Francesco Strippoli, rivolgerà alcune domande all'ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Alle 22, sulle terrazze della Biblioteca De Gemmis (nella vicina strada Lamberti) il gruppo delle Faraualla presentano il concerto scenico "Sagrademari / Strada del mare per 5 donne e un marinaio che non c'è".

"La recente presenza di papa Francesco sia a Bari, sia a Molfetta – commenta la fondazione Minervini – rappresenta per noi un modo di riflettere sul senso profondo di quelle visite: la prima compiuta sui passi di San Nicola, la seconda sulle parole profetiche di don Tonino Bello. Fu proprio il vescovo di Molfetta ad esaltare il concetto della "convivialità delle differenze". Come lui anche la fondazione Guglielmo Minervini intende creare ponti tra culture, popoli e religioni. Ci ritroveremo con l'onorevole Gentiloni che di Minervini fu amico e compagno di strada, sin dai tempi della 'stagione dei sindaci' e delle cosiddette 'cento città', agli inizi degli anni Novanta del secolo scorso".
  • guglielmo minervini
Altri contenuti a tema
La Fondazione "Guglielmo Minervini" al terzo anno di lavoro in Puglia La Fondazione "Guglielmo Minervini" al terzo anno di lavoro in Puglia Fondazione nata per onorare il ricordo dell'ex sindaco morto nel 2016
Aula universitaria intitolata a Minervini, il ricordo dell'assessore Borraccino Aula universitaria intitolata a Minervini, il ricordo dell'assessore Borraccino Ieri la cerimonia a Bari
Aula dell'Università Bari intitolata a Minervini, tutti i dettagli Aula dell'Università Bari intitolata a Minervini, tutti i dettagli La cerimonia avverrà nei prossimi giorni
Aula dell'Università di Bari intitolata a Guglielmo Minervini Aula dell'Università di Bari intitolata a Guglielmo Minervini La cerimonia venerdì 18 gennaio
Un anno senza Guglielmo Minervini. I ricordi della politica Un anno senza Guglielmo Minervini. I ricordi della politica Una mancanza che a distanza di un anno si fa sentire
1 Un anno senza Guglielmo Minervini Un anno senza Guglielmo Minervini Un anno senza la sua “rivoluzione gentile” che sempre più manca alla politica
“Il cambiamento che accade”: il ricordo della Fondazione Guglielmo Minervini a un anno dalla sua scomparsa “Il cambiamento che accade”: il ricordo della Fondazione Guglielmo Minervini a un anno dalla sua scomparsa Venerdì 28 luglio dibattito presso l’Auditorium del Seminario Regionale
In bicicletta da Carovigno a Molfetta per ricordare Guglielmo Minervini In bicicletta da Carovigno a Molfetta per ricordare Guglielmo Minervini Arrivo a Piazza Municipio alle 13, poi momento di raccoglimento
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.