Il carcere di Trani
Il carcere di Trani
Cronaca

Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione

Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata

Elezioni Regionali 2020
I molfettesi Francesco Grosso e Peter De Bari, zio e nipote, presunti appartenenti ad una associazione per delinquere finalizzata ai furti in appartamento, sono comparsi ieri, nell'aula bunker del carcere di Trani, davanti al giudice per le indagini preliminari Maria Grazia Caserta per gli interrogatori di garanzia.

«I miei assistiti hanno risposto alle domande del giudice - fa sapere l'avvocato difensore, Maurizio Masellis -, cercando di chiarire la loro posizione processuale: entrambi sono imputati del reato di ricettazione e non anche del reato, più grave, di associazione per delinquere finalizzata ai furti in appartamento con l'ausilio di chiavi riprodotte grazie a foto che venivano scattate ad ignari e malcapitati soggetti incontrati per strada oppure in locali pubblici».

Secondo le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Trani, infatti, dopo il furto nelle case, la refurtiva sarebbe stata ceduta proprio ai due molfettesi coinvolti, Francesco Grosso, di 44 anni, o a Peter De Bari, di 27 anni, per la successiva ricettazione. Entrambi avrebbero pagato in soldi contanti, effettuando lo scambio a bordo di un'autovettura. Le indagini hanno consentito di accertare, al momento, responsabilità in capo alla banda di 8 furti consumati.

La difesa di entrambi si affida adesso al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani: «Ho depositato, per i miei assistiti, le richieste di scarcerazione», aggiunge Maurizio Masellis. Il parere e le successive determinazioni del gip Maria Grazia Caserta sono attese nelle prossime ore.
  • Francesco Grosso
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
  • Maurizio Masellis
  • Peter De Bari
Altri contenuti a tema
Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Si tratta di una Volkswagen e di una BMW ritrovate dai Carabinieri in contrada Maiorana
1 Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Colpo da 15mila euro al Compro Oro: fermate tre persone. I nomi Colpo da 15mila euro al Compro Oro: fermate tre persone. I nomi Operazione "Lo specchio della verità" della Guardia di Finanza, coinvolto un molfettese di 32 anni. L'assalto lo scorso 11 gennaio
1 Rapina ad un Compro Oro: blitz anche a Molfetta Rapina ad un Compro Oro: blitz anche a Molfetta Tre persone - due in carcere, una ai domiciliari - sono state arrestate questa mattina dalla Guardia di Finanza
Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne L'uomo, un pregiudicato, è stato denunciato dai Carabinieri. Ma non era solo: gli spari al culmine di una lite
Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero L'episodio in via Cormio. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri per ricostruire quanto denunciato al 112
"Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà "Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà Accolto il ricorso presentato dall'avvocato Michele Salvemini. Inammissibili i ricorsi presentati per altre 8 persone
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.