moby prince
moby prince
Cronaca

Moby Prince, dalle immagini satellitari la svolta?

La notizia lanciata da "Il Corriere della Sera"

La svolta sulla vicenda "Moby Prince" sarebbe in undici immagini satellitari dalle quali emergerebbe che la petroliera Agip Abruzzo si trovava in una zona vietata al momento dello scontro.

La notizia è rilanciata dal quotidiano "Il Corriere della sera" e ripresa anche da "Le Iene", trasmissione che a distanza di anni dalla tragedia continua ancora a darne spazio e a produrre servizi per dare voce ai parenti delle vittime.
"La notte del 10 aprile 1991 la petroliera Agip Abruzzi si trovava dove non doveva essere, ovvero nel triangolo d'acqua all'uscita del porto di Livorno, zona con divieto di ancoraggio, per non intralciare il percorso di entrata e uscita delle altre navi", si legge su "Il Corriere della Sera".

"Nel maggio del 2018, l'US Geological Survey, gestore dell'archivio satellitare Landsat, ha concluso il processo di elaborazione delle sue immagini, con dati completamente rinnovati e una qualità adatta alle analisi temporali e alla sovrapposizione dei singoli scatti. I due esperti hanno trovato nove immagini utilizzabili di quella notte, per altro in quanto prive di copertura nuvolosa. Altre due sono arrivate dal satellite francese SPOT-2, trovate nell'archivio dell'European Space Agency. E mostrano tutte la stessa cosa. L'Agip Abruzzi era abbondantemente nella zona vietata, l'area all'epoca denominata di «divieto ancoraggio e pesca», localizzata appena a sud dell'area portuale. Carta, o meglio immagine, canta. Anche a distanza di quasi trent'anni", scrive ancora il quotidiano.

Quella notte segnò profondamente la storia del nostro Paese e di Molfetta, di tutta la marineria molfettese. Tra le 140 persone rimaste uccise a bordo del traghetto anche quattro molfettesi, membri dell'equipaggio: i motoristi Giovanni Abbattista (46 anni) e Natale Amato (53 anni), il personale di cucina Giuseppe de Gennaro (29 anni) e Nicola Salvemini (36 anni).

  • moby prince
Altri contenuti a tema
Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Con drappo rosso Molfetta ricorda la tragedia del “Moby Prince” Emanuele Abbattista, il figlio di una delle quattro vittime molfettesi, fa il punto della situazione giudiziaria
Tragedia della Moby Prince, oggi la commemorazione dei caduti a Livorno Tragedia della Moby Prince, oggi la commemorazione dei caduti a Livorno Quattro molfettesi persero la vita. Il sindaco Salvetti: «Una ferita aperta che merita giustizia»
Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Tragedia della Moby Prince, domani Molfetta ricorderà il 29° anniversario Nel drammatico rogo del 10 aprile 1991 persero la vita quattro nostri concittadini
1 Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Riconsegnati alle famiglie gli oggetti dei morti sulla Moby Prince. Molfetta perse quattro marittimi Fotografie, occhiali, targhe, chiavi, biglietti consegnati dalla Polmare di Livorno
Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Moby Prince, Livorno ricorda le vittime a 27 anni dalla tragedia Il Comune di Molfetta rappresentato da Paola Natalicchio, Dario de Robertis e Sergio de Candia
Le Iene: «Una terza imbarcazione coinvolta nella tragedia del Moby Prince?» Le Iene: «Una terza imbarcazione coinvolta nella tragedia del Moby Prince?» Gaetano Pecoraro approfondisce, in un servizio, quanto scritto nella relazione della Commissione del Senato sul disastro
Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Tragedia Moby Prince: adesso il processo sarà revisionato? Angelo Chessa, figlio del comandante del traghetto: «Vergogna per la giustizia italiana»
3 Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Moby Prince: la tragedia non fu causata dalla nebbia. E alcuni passeggeri potevano essere salvati Ieri presentata la relazione della commissione d'inchiesta del Senato
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.