presentazione libro marta pisani JPG
presentazione libro marta pisani JPG

Marta Pisani presenta il suo romanzo “Il diritto di scegliere”

La storia di una donna del suo matrimonio per procura, di emigrazione e di una Molfetta di altri tempi

Riprende la fervida attività culturale in città, e riprende soprattutto in presenza con la presentazione del libro di Marta Pisani, già assessore alla socialità e vice sindaco di Molfetta, oggi presidente del Tribunale dei diritti del malato, "Il diritto di scegliere" (Florestano Edizioni), svoltasi presso l'auditorium della Parrocchia Madonna della Rosa.

L'iniziativa è stata promossa dell'Associazione molfettesi nel mondo e dalla Commissione pari opportunità, rappresentate dalle presidenti Angela Amato e Giovanna Vista, con il patrocinio del Comune di Molfetta. Presente all'incontro il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, e l'assessore alle comunità molfettesi all'estero, Luisella De Pietro.

Non è per niente una casualità che entrambe queste due "associazioni" siano chiamate in causa dalla storia raccontata da Marta Pisani, che punta la sua attenzione su una donna, Lucrezia, e la sua iniziale scelta di sposarsi per procura un ragazzo che vive in Argentina, per aiutare la modesta famiglia molfettese. Quindi emigrare verso una terra straniera, una terra lontana.

Questa storia permette all'autrice di soffermarsi su uno spaccato della Molfetta del secondo dopoguerra, del ruolo della donna nella società di allora, creando interessanti spunti di riflessione non solo sulla città che oggi è diventata, ma anche sull'autodeterminazione delle donne in questi anni. E' un racconto storico, ma velato anche da tanta attualità. Passato e presente in alcuni casi si fondono e si confondono. Ieri era Lucrezia, oggi quella donna, quelle donne, hanno altri nomi, altre storie, ma la stessa voglia di un mondo migliore.

La presentazione de "Il diritto di scegliere" è stata affidata a Gianni Antonio Palumbo, docente presso l'Università degli studi di Foggia, che ha molto apprezzato lo stile narrativo dell'autrice, breve e coinciso e allo stesso tempo pregno di un fascino narrativo incisivo e ricco di forza espressiva. E' un lungo racconto, un romanzo, che accanto alla storia principale di Lucrezia vive di tante altre microstorie, regalando al lettore uno spaccato di una Molfetta diversa, di altri tempi potremmo dire, fatta di riti, come quello del pane fatto in casa, e di tradizioni, come la questione della dote, "motore della narrazione", ma anche caposaldo della Molfetta di allora e non solo della nostra città.

Dicevamo, è la storia di Lucrezia, ma anche la storia nella storia, perché Marta Pisani per la redazione del suo libro ha fatto delle ricerche storiche, seguendo i testi di Gaetano Salvemini, di Tommaso Fiore, di Giuseppe Di Vittorio, ma ha anche cercato il supporto fotografico della Molfetta di allora. Un supporto che Marta Pisani con l'aiuto di Franco Pansini ha fatto vivere al pubblico presente attraverso una meravigliosa videoproiezione. Le paranze, via Dante di allora, gli emigranti, i matrimoni, il rito del pane. Un piccolo quadro della Molfetta che era.

Non la classica presentazione di un libro, non il classico reading, ma Zoe Defronzo, Pantaleo Annese e la chitarra di Vito Vilardi, hanno trasportato il pubblico nella Molfetta descritta nel suo libro dall'autrice.

Hanno presentato Lucrezia, hanno fatto sentire i presenti, insieme alla protagonista, su quella nave che la porta verso una terra lontana, verso il suo nuovo destino. E in questo viaggio Lucrezia raccoglie le storie degli altri emigranti, come quella dell'almalfitano Gaetano, che diventa un momento magico per il pubblico presente, che viene coinvolto con la voce e il canto di Pantaleo Annese e la chitarra di Vito Vilardi. Si era lì su quella nave, insieme a Lucrezia, insieme a Gaetano, insieme alle tante persone che hanno lasciato la propria patria per nuove opportunità. Si respirava anche l'amore di Lucrezia per un ufficiale di bordo, la sua voglia di libertà e di scegliere il proprio destino.

Il messaggio del libro, come ha detto Marta Pisani, «è il diritto ad un futuro migliore e di pace visto i tempi». L'autrice coglie l'occasione anche per proporre di creare una "casa della memoria dell'emigrazione", perché nella sua ricerca non ha trovato molto materiale sulla nostra città.

E' una storia di ieri, che ha un forte attacco all'oggi, all'attualità dei nostri giorni dei nostri tempi.
  • Associazione Molfettesi nel Mondo
  • commissione pari opportunità
Altri contenuti a tema
Dopo quasi due anni tornano a Molfetta i funzionari SSA del Consolato Americano Dopo quasi due anni tornano a Molfetta i funzionari SSA del Consolato Americano Previsto un incontro con i cittadini giovedì 5 maggio dalle 16 alle 19
Pari opportunità, approvato il piano delle azioni positive del prossimo triennio Pari opportunità, approvato il piano delle azioni positive del prossimo triennio Le iniziative che saranno promosse dal Comune
don Tonino e Papa Francesco per i 40 anni dalla fondazione dell'associazione Molfettesi nel Mondo don Tonino e Papa Francesco per i 40 anni dalla fondazione dell'associazione Molfettesi nel Mondo L'opera sarà donata alla Basilica della Madonna dei Martiri
Si apre oggi il 40° Convegno dei "Molfettesi nel Mondo" Si apre oggi il 40° Convegno dei "Molfettesi nel Mondo" L'evento inaugurale alle ore 20 presso la Madonna dei Martiri
Il Convegno dei molfettesi nel mondo arriva alla quarantesima edizione Il Convegno dei molfettesi nel mondo arriva alla quarantesima edizione Si inizia il 22 agosto. Conclusione l'11 settembre. Il programma
8 marzo, targa in onore di Rosaria Scardigno nella sede della Commissione Pari Opportunità di Molfetta 8 marzo, targa in onore di Rosaria Scardigno nella sede della Commissione Pari Opportunità di Molfetta Il pensiero del presidente, l'avvocato Giovanna Vista
Un cartello per ricordare la distanza da Molfetta: l'idea di un molfettese d'America Un cartello per ricordare la distanza da Molfetta: l'idea di un molfettese d'America Corrado Minervini è componente della Società Madonna dei Martiri di Hoboken
Un arcobaleno per Molfetta: l'iniziativa della Commissione pari opportunità Un arcobaleno per Molfetta: l'iniziativa della Commissione pari opportunità Il progetto contro il bullismo omotransfobico
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.