LaPiet Roma mag
LaPiet Roma mag
Vita di città

Le emozioni della Pietà a Roma LE FOTO

Una ricca galleria di foto pr percorrere i momenti più importanti del pellegrinaggio

In molti l'hanno definita una "follia", come lo stesso priore dell'Arciconfraternita della Morte, Giuseppe de Candia. Nei fatti lo è stata, una meravigliosa follia giunta nella Capitale dalla nostra Molfetta. Nemmeno gli ornamenti barocchi della Basilica di San Giovanni dei Fiorentini hanno oscurato la bellezza della Pietà: il suo viso come una perla rara incastonata in una ricca montatura risplendeva di luce propria.

Dalle ore 7 di domenica mattina in tanti sono confluiti nella basilica per rendere omaggio, per ammirare e sincerarsi che il il viaggio non avesse sgualcito la nostra Pietà. Il colpo d'occhio, ma anche un colpo al cuore, era inevitabile: l'iniziale straniamento per il luogo insolito è stato subito sostituito da quella commozione mista a orgoglio di concedere al altri di poter posare lo sguardo sulla nostra Madonna.

E di curiosi ce ne sono stati tanti, tantissimi: dalle stesse forze dell'ordine preposte al servizio, che curiose chiedevano cosa fosse quell'evento straordinario a cui stavano presenziando, ai turisti di qualsiasi nazionalità che addirittura si scattavano "selfie" con lo sfondo della processione. Quante volte abbiamo ripetuto e ribadito con vanto "siamo di Molfetta". E quanti molfettesi trapiantati in altre città o all'estero sono accorsi, hanno asciugato dal viso quella lacrima che aveva il sapore salato della nostalgia.

Dopo la santa messa celebrata dall'arcivescovo Paul Richard Gallagher, la processione ha inizio con le stesse modalità del Sabato Santo molfettese, ognuno è al suo posto, la bassa banda in apertura con le note del "ti-tee", la croce, le donne dal capo coperto e composte nel loro lutto, le vesti nere che si allineano in due file parallele attorno al simulacro mentre la banda chiude la processione suonando le marce funebri.

Ma la location è ciò che fa la differenza. Quando il traffico romano si blocca al passaggio dei confratelli, quanto vedi la Pietà stagliarsi solenne davanti a Castel Sant'Angelo o alla Basilica di San Pietro, entra in gioco un'affascinante meccanismo di emozioni che è difficile da raccontare. Nello stesso momento due bellezze eterne – Roma e la Pietà – si coniugano assieme, come se si fossero sempre incontrate, in uno spettacolo irripetibile.

Poi l'attesa e l'Angelus del Papa che saluta i confratelli molfettesi e che risveglia gli animi, ed ancora l'ingresso nella Basilica di San Pietro dalla porta principale, un onore per pochi; e ancora l'attraversamento nella navata centrale fino all'ineguagliabile baldacchino di San Pietro che sembra essere il giusto trono per la Pietà.

Al ritorno il percorso viene fatto a ritroso, il tempo di ammirare la processione da fuochi prospettici differenti che subito si giunge nuovamente alla Basilica di San Giovanni dei Fiorentini ed è il momento della "ritirata", e qui l'emozione e soprattutto la commozione viene liberata in modo catartico.
Le lacrime si mescolano: sono lacrime di gioia di chi sa di aver preso parte ad un evento storico, di soddisfazione del priore per aver portato a termine un'impresa eccezionale; sono le lacrime di chi ancora una volta ha sentito il dolce peso del simulacro sulle spalle; sono le lacrime di chi si dichiara innamorato follemente e morbosamente alla Pietà. Ed è un amore per la vita.

(Foto di Vincenzo Bisceglie)
LaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma magLaPiet Roma mag
  • papa francesco
  • arciconfraternita della morte
  • Pietà
Altri contenuti a tema
20 aprile 2018: un anno fa la visita di Papa Francesco a Molfetta nel segno di Don Tonino 20 aprile 2018: un anno fa la visita di Papa Francesco a Molfetta nel segno di Don Tonino Cosa resta di un evento storico e indimenticabile
TeleRegione e MolfettaViva insieme per la diretta de "l'uscita" del Sabato Santo TeleRegione e MolfettaViva insieme per la diretta de "l'uscita" del Sabato Santo Il Priore Onofrio Sherza: «Abbiamo creduto fortemente in questo progetto»
Il 7 aprile l'inaugurazione dei monumenti per ricordare Papa Francesco a Molfetta Il 7 aprile l'inaugurazione dei monumenti per ricordare Papa Francesco a Molfetta Fitto il programma degli eventi: tutte le informazioni
Doppio sold out a Molfetta per "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria" Doppio sold out a Molfetta per "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria" Lo spettacolo voluto dall'Arciconfraternita della Morte
“Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria”, azione sacra fra danza, poesia e arte “Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria”, azione sacra fra danza, poesia e arte Evento promosso dall'Arciconfraternita della Morte dal sacco nero di Molfetta
Il programma di eventi dell'Arciconfraternita della Morte di Molfetta per la Quaresima Il programma di eventi dell'Arciconfraternita della Morte di Molfetta per la Quaresima Tutte le informazioni e le modalità di partecipazione possono essere richieste presso l’Oratorio dell’Arciconfraternita in corso Dante a Molfetta
Sicurezza: tra i grandi eventi la visita di Papa Francesco a Molfetta Sicurezza: tra i grandi eventi la visita di Papa Francesco a Molfetta I dati resi noti dalla Prefettura di Bari e relativi all'attività di Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato
In Piazza Garibaldi i simboli della visita di Papa Francesco a Molfetta In Piazza Garibaldi i simboli della visita di Papa Francesco a Molfetta Cantiere aperto per sistemare la croce e l'ulivo monumentale
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.