Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

L'avvocato difensore del sacerdote di Molfetta: «Vittima di vile estorsione»

Riportiamo integralmente la nota stampa del legale

Arriva in redazione una nota a firma di Felice Petruzzella, legale del sacerdote di cui si fa menzione nell'articolo pubblicato in data 12 agosto sul nostro portale. Al fine di consentire alla persona interessata (in questo caso al suo rappresentante) di fornire ulteriori dettagli sulla vicenda, pubblichiamo integralmente il comunicato.

«La notizia apparsa su MolfettaViva.it, ispirata e successivamente precisata dalla Collega De Finis, in merito alla vicenda che ha visto coinvolto un sacerdote di una locale parrocchia, necessita di alcuni ulteriori importanti chiarimenti, nella speranza di offrire un contributo che possa far luce sulla incresciosa vicenda. Ciò che riporto, in quanto legale del sacerdote, è ovviamente frutto di ciò che emerso nel corso del processo, svoltosi dinanzi al GUP presso il Tribunale di Trani nelle forme del giudizio abbreviato.

Il sacerdote è stato vittima di una becera e vile azione estorsiva, cessata solo grazie alla sua coraggiosa denuncia che ha condotto, dapprima, all'arresto dell'estorsore e poi alla condanna di quest'ultimo in primo grado alla pena di anni quattro di reclusione. Il sacerdote ha scelto di non costituirsi parte civile non avendo alcun interesse ad una richiesta di risarcimento dei danni subiti.

Diversamente da quanto si è letto, il sacerdote non è mai stato iscritto a siti di incontri né ha partecipato ad "una molteplicità di incontri a scopo intimo e sessuale" ma ha ceduto ad un solo incontro, accettando un subdolo invito a condividere una cena per dialogare sulle vicende avverse della vita.

A seguito di questo incontro il sacerdote ha vissuto, suo malgrado, un intenso ed angosciante periodo di pedinamenti, minacce, telefonate anonime e assurde richieste di denaro, fino al momento in cui ha trovato la forza e il coraggio di recarsi presso la locale Caserma dei Carabinieri per denunciare l'autore delle estorsioni, individuato all'esito di un riconoscimento personale.

Vi è, però, motivo di ritenere che più di una persona avrebbe approfittato di questo momento di debolezza per ricattare il sacerdote ed estorcergli del denaro, sebbene le indagini e la conseguente sentenza non definitiva di condanna hanno, ad oggi, riguardato una sola persona residente in Orta Nova che si sarebbe recato a Molfetta per incontrare il sacerdote nelle sole occasioni di pretesa e ottenimento di denaro dal parroco.

Appare doveroso, inoltre, specificare che lo stesso sacerdote – ancor prima che la vicenda personale si trasformasse in vicenda processuale - ha prontamente contratto un finanziamento personale per restituire alle casse parrocchiali il denaro a cui ha fatto impropriamente ricorso, in preda al panico e alla necessità di recuperare in pochi giorni la cospicua somma di denaro estorta per sottrarsi alla minaccia di un grave danno. Alcun danno, quindi, è stato arrecato alle casse parrocchiali.

La notizia giornalistica ha, quindi, forse avuto solo l'inconsapevole finalità di mettere ancor più pressione su una persona già fortemente provata da una vicenda così delicata e devastante sul piano umano. Forse solo chi è stato vittima di un'estorsione può comprenderlo. L'estorsore no».
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Sottano trasformato in una centrale dello spaccio, due arresti Sottano trasformato in una centrale dello spaccio, due arresti Un 30enne ed un 21enne nascondevano marijuana e hashish. Trovati anche bilancini e bustine in cellophane
Incidente sulla 16 bis all'altezza di Molfetta: auto contro guard rail Incidente sulla 16 bis all'altezza di Molfetta: auto contro guard rail Il sinistro è avvenuto in direzione Foggia. Ci sono lunghe code
Pronto Soccorso di Molfetta chiuso nella notte scorsa per transito di caso Covid Pronto Soccorso di Molfetta chiuso nella notte scorsa per transito di caso Covid Ambienti sanificati e unità di nuovo operativa in mattinata
Paura in Cattedrale, 52enne si cosparge di benzina e minaccia di darsi fuoco Paura in Cattedrale, 52enne si cosparge di benzina e minaccia di darsi fuoco Dietro il folle gesto motivi economici. Salvato dal sindaco Minervini, sul posto i Carabinieri
1 Brucia la quarta auto in quattro giorni: il rogo a pochi metri dal primo Brucia la quarta auto in quattro giorni: il rogo a pochi metri dal primo L'episodio questa sera in via Panunzio. È accaduto nelle vicinanze della strada teatro di un altro incendio, pochi giorni prima
1 Scontro tra auto e scooter a Molfetta: 118 e Carabinieri sul posto Scontro tra auto e scooter a Molfetta: 118 e Carabinieri sul posto Il sinistro è avvenuto poco dopo le ore 13.00 in via generale Amato
Tre auto incendiate in via Zuppetta: terrore in un palazzo raggiunto dalle fiamme Tre auto incendiate in via Zuppetta: terrore in un palazzo raggiunto dalle fiamme Le fiamme sono divampate alle ore 23.00: partite da una Fiat Grande Punto, si sono poi propagate ad altre due auto
Aggredisce due agenti della Polizia Locale di Molfetta: arrestato 57enne Aggredisce due agenti della Polizia Locale di Molfetta: arrestato 57enne L'uomo è ai domiciliari. L'episodio è accaduto ieri all'incrocio tra via Bisceglie e viale dei Crociati
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.