L'operazione Petrol Mafie
L'operazione Petrol Mafie
Cronaca

Inchiesta Petrol-Mafie Spa, 71 arrestati: anche un 39enne di Molfetta

Così la 'ndrangheta e la camorra frodavano lo Stato, in carcere anche Felice D'Agostino. Sequestri per quasi 1 miliardo di euro

Sono 71 le misure cautelari eseguite nell'operazione Petrol Mafie Spa. La Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro ha eseguito 15 fermi, quella di Reggio Calabria 23 misure cautelari, alla pari di quella di Roma, 10 infine quella di Napoli: fra gli arrestati anche il molfettese Felice D'Agostino, 39enne nato a Terlizzi.

L'operazione è frutto di quattro diverse indagini, coordinate dalle varie Procure Antimafia di Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli e Roma, che ha fatto emergere la convergenza di strutture e pianificazioni mafiose nel business della illecita commercializzazione di carburanti e del riciclaggio di centinaia di milioni di euro in società petrolifere intestate a insospettabili. Sul fronte anti-camorra le indagini si sono concentrate, rispettivamente, sul clan Moccia e sulla Max Petroli s.r.l..

Il clan Moccia costituisce una tra le più pericolose organizzazioni camorristiche e l'operazione di oggi ha messo in evidenza gli interessi del clan nell'economia legale, in particolare nel settore dei petroli. Attraverso una serie di operazioni societarie, il gruppo di Antonio Moccia entra in rapporti con la Max Petroli s.r.l. - ora Made Petroli Italia s.r.l. - di Anna Bettozzi, che era riuscita a ottenere forti iniezioni di liquidità da parte di alcuni clan, tra cui quelli dei Moccia e dei casalesi.

Risulta che la Bettozzi avrebbe sfruttato non solo il riciclaggio di denaro della camorra, ma anche i vari sistemi di frode nel settore degli oli minerali, attraverso la costituzione di 20 società "cartiere" per svolgere compravendite puramente cartolari, mentre i Moccia ponevano la base logistica per lo svolgimento delle attività fraudolente a Napoli da dove venivano coordinate le commesse di materiale petrolifero e organizzato il vorticoso giro di fatturazioni per operazioni inesistenti.

Per la raccolta delle ingenti somme liquide derivanti dalla frode, il clan Moccia si avvaleva di una organizzazione parallela, atta al riciclaggio di risorse finanziarie, gestita da "colletti bianchi", attiva sul territorio partenopeo e romano. In pratica, le società "cartiere", una volta introitate le somme, effettuavano ingenti bonifici a società terze, simulando pagamenti di forniture mai avvenute. Quest'ultimo, infine, provvedeva ai prelevamenti in contanti e alle restituzioni tramite "spalloni".

Si trattava di soldi provenienti dalle attività illecite reinvestiti in un settore legale per produrre proventi illeciti attraverso le frodi fiscali: un effetto che finisce per annichilire la concorrenza, sia per i prezzi troppo bassi per gli operatori, sia perché quest'ultimi indietreggiano quando si trovano di fronte imprenditori mafiosi.
  • guardia di finanza
  • Felice D'Agostino
Altri contenuti a tema
Petrol Mafie Spa, nuovi arresti: ai domiciliari un 39enne di Molfetta Petrol Mafie Spa, nuovi arresti: ai domiciliari un 39enne di Molfetta L'indagine della Direzione Distrettuale Antimafia rappresenta la prosecuzione delle inchieste Rinascita-Scott e Petrolmafie Spa
1 Arrestato a Molfetta l'avvocato Vincenzo Vittorio Zagami Arrestato a Molfetta l'avvocato Vincenzo Vittorio Zagami La Guardia di Finanza gli ha notificato un'ordinanza di custodia cautelare del gip di Alessandria
Operazione anti-riciclaggio: perquisizioni a tappeto nelle sale Vlt Operazione anti-riciclaggio: perquisizioni a tappeto nelle sale Vlt 53 tra persone e imprese perquisite: alcune sale sarebbero state utilizzate per compiere varie attività illecite
Giornali e libri pirata, salgono a 114 i canali bloccati su Telegram Giornali e libri pirata, salgono a 114 i canali bloccati su Telegram A fine aprile lo stop a 20 canali, poi disattivati dalla piattaforma di messaggistica. Ora il nuovo sequestro
La Guardia di Finanza dona alcool sequestrato: diventerà disinfettante La Guardia di Finanza dona alcool sequestrato: diventerà disinfettante Si tratta di un partita da 4.700 litri che sarà utilizzata per produrre gel per le mani come misura anti-contagio
Giornali e riviste diffuse su Telegram, interviene la Guardia di Finanza Giornali e riviste diffuse su Telegram, interviene la Guardia di Finanza Duro colpo alla pirateria digitale: migliaia di giornali sarebbero stati illecitamente diffusi attraverso almeno 17 canali
Coronavirus, sequestrate mascherine: finanzieri di Molfetta in trasferta a Terlizzi Coronavirus, sequestrate mascherine: finanzieri di Molfetta in trasferta a Terlizzi Operazione della Tenenza in una farmacia: l'attività rischia ora una sanzione amministrativa fino a 25mila euro
Ostuni, traffico di finti Rolex. A rivenderli era un 40enne di Molfetta Ostuni, traffico di finti Rolex. A rivenderli era un 40enne di Molfetta Chiusa l’indagine su "Lo Scrigno": il molfettese, con un reddito di 600 euro, ha versato in banca 108mila euro
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.