Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese
Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese
Cronaca

Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio»

Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane

Pugno duro del governo presieduto da Giuseppe Conte contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Il Viminale, infatti, ha inviato una circolare alle Prefetture per disporre maggiore sorveglianza sulle piazze di spaccio.

Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, attraverso una circolare inviata alle 103 Prefetture italiane, ha chiesto ai Prefetti di dare «maggiore impulso all'azione di vigilanza del territorio urbano - è scritto nella circolare del Viminale -, con specifico riferimento alle aree cittadine maggiormente esposte alle attività di spaccio di sostanze stupefacenti ed ai correlati stazionamenti di soggetti, specie in zone degradate».

L'individuazione dei mirati interventi avverrà in sede di Comitati Provinciali per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, gli organi collegiali dello Stato, avente funzioni consultive, istituiti presso ogni Prefettura, «con l'obiettivo - si legge ancora nella nota inviata dal Viminale - di migliorare i livelli di sicurezza, assicurando la piena fruibilità degli spazi pubblici, con particolare riferimento agli spazi verdi ed alle piazze cittadine».

«Le misure di prevenzione - conclude la nota - saranno oggetto di un periodico monitoraggio al fine di valutarne l'impatto e disporne l'eventuale implementazione, tenuto conto delle caratteristiche delle singole aree cittadine di intervento e del livello di esposizione ai fenomeni criminali». Secondo le rilevazioni del 2018, la provincia di Bari è al 49° posto per reati legati agli stupefacenti: 767 le denunce, 60,993 ogni 100 mila abitanti.

Nel territorio della Compagnia di Molfetta il giro di vite è già in atto. Ed i Carabinieri, diretti dal capitano Francesco Iodice, hanno raccolto i primi frutti. A Bitonto, ad esempio, i militari hanno arrestato un 46enne ed un 47enne, entrambi di Bisceglie: i due sfrecciavano sulla Bitonto-Palo del Colle a forte velocità ed alla vista dei Carabinieri hanno lanciato dal finestrino la droga (eroina) che avevano a bordo, ma sono stati fermati e arrestati.

A Palo del Colle, invece, la casa di un giovane del posto era diventata una specie di supermarket della droga (hashish e marijuana), con un continuo andirivieni di clienti che però non è passato inosservato ai Carabinieri. Un giro di vite che continuerà anche nei prossimi giorni.
  • Droga Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Il ragazzo è stato sorpreso dai Carabinieri mentre spacciava 2 grammi di marijuana ed è finito in carcere
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, sposato e padre di tre figli, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.