Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese
Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese
Cronaca

Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio»

Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane

Elezioni Regionali 2020
Pugno duro del governo presieduto da Giuseppe Conte contro lo spaccio di sostanze stupefacenti. Il Viminale, infatti, ha inviato una circolare alle Prefetture per disporre maggiore sorveglianza sulle piazze di spaccio.

Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, attraverso una circolare inviata alle 103 Prefetture italiane, ha chiesto ai Prefetti di dare «maggiore impulso all'azione di vigilanza del territorio urbano - è scritto nella circolare del Viminale -, con specifico riferimento alle aree cittadine maggiormente esposte alle attività di spaccio di sostanze stupefacenti ed ai correlati stazionamenti di soggetti, specie in zone degradate».

L'individuazione dei mirati interventi avverrà in sede di Comitati Provinciali per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, gli organi collegiali dello Stato, avente funzioni consultive, istituiti presso ogni Prefettura, «con l'obiettivo - si legge ancora nella nota inviata dal Viminale - di migliorare i livelli di sicurezza, assicurando la piena fruibilità degli spazi pubblici, con particolare riferimento agli spazi verdi ed alle piazze cittadine».

«Le misure di prevenzione - conclude la nota - saranno oggetto di un periodico monitoraggio al fine di valutarne l'impatto e disporne l'eventuale implementazione, tenuto conto delle caratteristiche delle singole aree cittadine di intervento e del livello di esposizione ai fenomeni criminali». Secondo le rilevazioni del 2018, la provincia di Bari è al 49° posto per reati legati agli stupefacenti: 767 le denunce, 60,993 ogni 100 mila abitanti.

Nel territorio della Compagnia di Molfetta il giro di vite è già in atto. Ed i Carabinieri, diretti dal capitano Francesco Iodice, hanno raccolto i primi frutti. A Bitonto, ad esempio, i militari hanno arrestato un 46enne ed un 47enne, entrambi di Bisceglie: i due sfrecciavano sulla Bitonto-Palo del Colle a forte velocità ed alla vista dei Carabinieri hanno lanciato dal finestrino la droga (eroina) che avevano a bordo, ma sono stati fermati e arrestati.

A Palo del Colle, invece, la casa di un giovane del posto era diventata una specie di supermarket della droga (hashish e marijuana), con un continuo andirivieni di clienti che però non è passato inosservato ai Carabinieri. Un giro di vite che continuerà anche nei prossimi giorni.
  • Droga Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
1 Droga: traffico Albania-Italia, operazione "Kulmi". I nomi degli arrestati a Molfetta Droga: traffico Albania-Italia, operazione "Kulmi". I nomi degli arrestati a Molfetta In carcere Giovanni D'Angelo, Erind Garubi e Kreshnik Laçi. L'indagine è partita dal sequestro di un grosso quantitativo di marijuana a Molfetta
2 Traffico di droga. Coinvolto anche un carabiniere: era in servizio a Molfetta Traffico di droga. Coinvolto anche un carabiniere: era in servizio a Molfetta Giuliano Pasquale, di 54 anni, è finito ai domiciliari: è accusato di aver fornito informazioni riservate a un narcotrafficante albanese
"Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta "Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta Si tratta dell’operazione per l'adulterazione del vino che ha portato all'arresto di imprenditori, dipendenti ed enologi
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
1 Denaro e regali per i due Carabinieri al soldo del clan Di Cosola Denaro e regali per i due Carabinieri al soldo del clan Di Cosola Dal 2012, in cambio di informazioni riservate, avrebbero ottenuto favori e beni per circa 400mila euro
Arrestati due Carabinieri, uno è di Molfetta: «Favorivano il clan Di Cosola» Arrestati due Carabinieri, uno è di Molfetta: «Favorivano il clan Di Cosola» Terremoto a Giovinazzo, il blitz è scattato all'alba. In manette anche un elemento di spicco del gruppo e un commerciante
Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Un 21enne ed un 20enne di Molfetta sono stati fermati dalla Polizia Stradale di Ruvo in agro di Giovinazzo
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.