San Corrado. <span>Foto Comitato Feste Patronali Molfetta </span>
San Corrado. Foto Comitato Feste Patronali Molfetta
Chiesa locale

Il 10 luglio 1785 la traslazione delle reliquie di San Corrado in cattedrale

Sono passati esattamente 236 anni da quella storica giornata

Il Comitato Feste Patronali ricorda come 236 anni fa, con grande festa di giubilo, Molfetta si preparava al trasferimento delle sacre reliquie del Santo Eremita Corrado, patrono della città, dall'antico Duomo alla nuova Cattedrale: era il 10 luglio del 1785.

Il corpo di Corrado venne, in un primo tempo, custodito nella stessa abbazia di Modugno, che divenne meta del pellegrinaggio di devoti, molti dei quali originari di Molfetta, paese che probabilmente ospitò il santo nel corso del pellegrinaggio verso Gerusalemme. Quando l'abbazia venne soppressa da Roberto d'Angiò e lasciata incustodita, i molfettesi decisero di trasportare nella propria città le ossa. La data di quella traslazione, il 9 febbraio, viene celebrata ogni anno dai molfettesi. L'atto della traslazione delle spoglie mortali, secondo le consuetudini dell'epoca, sanciva la canonizzazione del servo di Dio che veniva di fatto riconosciuto ufficialmente Santo e Patrono della città.

In un primo tempo, il corpo venne sistemato in una cripta del duomo di Molfetta dedicato all'Assunta. Successivamente, a causa dell'umidità presente nella cripta, le reliquie vennero poste in una cappella costruita per lo scopo all'interno del duomo. Infine, il 10 luglio 1785, le ossa del santo vennero sistemate nella nuova cattedrale: il corpo venne sistemato sotto l'altare a lui dedicato e il teschio incastonato all'interno di un busto d'argento. In questa data avviene la festa patronale. Il vecchio Duomo, da quel momento, fu intitolato a San Corrado.

Ancora oggi, alcuni molfettesi si recano in pellegrinaggio a Modugno nel luogo dove il santo visse i suoi ultimi anni. A Modugno è custodita, nella chiesa Maria Santissima Annunziata, una reliquia di San Corrado. Il suo culto fu confermato da papa Gregorio XVI, il quale procedette alla canonizzazione equipollente del venerato monaco il 6 aprile 1832. Il santo è commemorato il 9 febbraio (traslazione), il 17 marzo (dies natalis), la seconda domenica di luglio (traslazione nella nuova cattedrale).
  • san corrado
Altri contenuti a tema
Molfetta pronta a celebrare San Corrado nel rispetto delle norme anti-Covid Molfetta pronta a celebrare San Corrado nel rispetto delle norme anti-Covid Programma per il periodo 1-4 luglio
Molfetta celebra il patrono San Corrado Molfetta celebra il patrono San Corrado Il sindaco: «Rapporto profondo e sincero di devozione». Dal Museo Diocesano un video
San Corrado, nelle parrocchie di Molfetta ceci fritti, fave secchi e semi San Corrado, nelle parrocchie di Molfetta ceci fritti, fave secchi e semi L'iniziativa è del Comitato Feste Patronali presieduto da Leonardo Siragusa
Da oggi la novena per San Corrado nella Cattedrale di Molfetta Da oggi la novena per San Corrado nella Cattedrale di Molfetta Pontificale il 9 febbraio. Nessun tradizionale rito del fuoco
Verso la festa, intronizzato in Cattedrale il busto di San Corrado Verso la festa, intronizzato in Cattedrale il busto di San Corrado Il 9 febbraio i festeggiamenti per il patrono di Molfetta e della Diocesi
Oggi le celebrazioni finali per la festa di San Corrado a Molfetta Oggi le celebrazioni finali per la festa di San Corrado a Molfetta Dal Comune 35 mila Euro al comitato per l'organizzazione anche della festa della Madonna dei Martiri
La storia di San Corrado, santo patrono di Molfetta La storia di San Corrado, santo patrono di Molfetta Prima menzione storica nel lontano 1170. Oggi il culmine delle celebrazioni in città
Molfetta e San Corrado, la città rinnova le celebrazioni del Santo Patrono Molfetta e San Corrado, la città rinnova le celebrazioni del Santo Patrono Tanti i molfettesi su Corso Dante. In Cattedrale la Messa del Vescovo
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.