Michele Emiliano
Michele Emiliano

Emiliano: «Sulla scuola assicuriamo diritto alla salute pubblica ed esigenze delle famiglie»

Il presidente della Regione Puglia ha spiegato su Rai Uno la nuova ordinanza

Nella serata di ieri è stata emanata la nuova ordinanza del presidente della Regione Puglia Emiliano sulla ripresa della didattica dopo le festività pasquali. Il provvedimento è stato ritenuto necessario in quanto il decreto Draghi sottolinea che una «deroga è consentita solo in casi di eccezionale e straordinaria necessità dovuta alla presenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus SARS-CoV-2 o di sue varianti nella popolazione scolastica».

«In Puglia - ha sottolineato il presidente Michele Emiliano, intervenuto questa mattina su Rai Uno - abbiamo sempre consentito la libertà di scelta a scuola. Non è un pregiudizio nei confronti di chi decide di mandare i figli a scuola, perché anche quella è una scelta legittima. Ma, siamo in stato di emergenza per pandemia, e nessuno può essere obbligato a mandare i figli a scuola. Ribadisco, questo non vuol dire che chi li manda è un incosciente, ma così possiamo abbattere le presenze negli istituti in un momento in cui dobbiamo contenere la pandemia. Grazie a questa ordinanza associamo le due esigenze presenti, quella del diritto alla salute pubblica con quella individuale delle famiglie».

Per quanto riguarda invece eventuali focolai epidemici all'interno degli istituti, è possibile vedere come in seguito all'obbligo di DDI per tutti a partire dal 13 marzo si sia determinata una drastica diminuzione del numero di studenti presenti e stando ai dati comunicati da 2647 plessi notificanti, sui 3215 totali, sono stati 768 i provvedimenti di quarantena a carico degli studenti (-1662) e 291 a carico del personale (-380). Anche se i dati sono da considerare sottostimati, essendo frutto di una attività di sorveglianza passiva, per cui non si può avere la certezza che tutti i casi siano stati oggetto di segnalazione da parte di tutti gli istituti.

In conclusione, la Regione Puglia è ancora interessata da un incremento del numero di contagi, che si associa ad una circolazione virale sostenuta tra i soggetti in età scolare.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Covid, in Puglia calano ancora i ricoveri. Anche oggi sotto i mille casi Covid, in Puglia calano ancora i ricoveri. Anche oggi sotto i mille casi Nelle ultime 24 ore 979 positivi e 21 decessi
Ristorazione, cinema, sport e non solo: cosa cambia in Puglia da lunedì Ristorazione, cinema, sport e non solo: cosa cambia in Puglia da lunedì Riepilogo delle nuove regole vigenti per la zona gialla
I positivi al Covid in Puglia scendono sotto quota 45mila. Oggi 870 casi I positivi al Covid in Puglia scendono sotto quota 45mila. Oggi 870 casi Nell'ultimo bollettino anche 20 decessi
Covid, a Molfetta contagi e guarigioni alla pari in settimana. Ci sono due decessi Covid, a Molfetta contagi e guarigioni alla pari in settimana. Ci sono due decessi Gli attualmente positivi in città passano da 345 a 347
Covid, la Puglia in zona gialla da lunedì 10 maggio Covid, la Puglia in zona gialla da lunedì 10 maggio La decisione dell'Istituto Superiore di Sanità dopo l'analisi dei dati
Tamponi e ticket online per la ripartenza degli eventi: in Puglia il test pilota Tamponi e ticket online per la ripartenza degli eventi: in Puglia il test pilota Si è tenuta oggi la riunione tra Lopalco e i rappresentanti del comparto
Covid, a Molfetta 115 contagi nell'ultima settimana Covid, a Molfetta 115 contagi nell'ultima settimana L'incidenza torna a scendere dopo tre settimane
Covid, in Italia calo generale di contagi ma aumentano i casi tra i bambini Covid, in Italia calo generale di contagi ma aumentano i casi tra i bambini Il virus sta circolando maggiormente nelle fasce d'età 3-5 e 6-10 anni
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.