don Tonino Bello
don Tonino Bello

Da fabbricante di armi a sminatore grazie a don Tonino Bello: la storia di Vito Alfieri Fontana

Il racconto di come sia diventato uomo di pace oggi nella trasmissione "A sua immagine" su Rai 1

Ha destato grande interesse la storia raccontata oggi nella trasmissione "A Sua immagine", andata in onda su Rai1 con la conduzione di Lorena Bianchetti.

Il protagonista è Vito Alfieri Fontana, che ha progettato, costruito e venduto due milioni e mezzo di mine antiuomo. Era un fabbricante di armi, era l'uomo della guerra, con una sua azienda ereditata dalla famiglia vendeva "morte" in tutto il mondo, ma ha avuto il coraggio di diventare l'uomo della pace. Il suo è stato un cammino lungo e tortuoso che comincia negli anni '90 che lo ha portato ad abbandonare un affare lucroso, senza scrupoli, dov'è facile trovare giustificazioni morali.

Il colpo decisivo alla sua coscienza parte da una domanda posta dal figlio Ludovico, quando aveva appena otto anni. Un giorno trova un catalogo di armi e chiede al padre cosa fosse, con una domanda a bruciapelo che ha cambiato per sempre la sua vita: "Allora sei un assassino?". Quelle parole hanno radicalmente messo in discussione la sua coscienza, poi definitivamente riportata sulla retta via grazie a un incontro con il Vescovo di Molfetta.

Per oltre vent'anni, alla guida dell'azienda di famiglia, Fontana ha progettato e prodotto due milioni e mezzo di mine antiuomo vendendole in diversi Paesi del mondo. Poi una crisi di coscienza e una conversione drammatica innescata, in parallelo con la Campagna contro la messa al bando condotta dai movimenti pacifisti e dal mondo cattolico, da un invito di don Tonino Bello a partecipare a Bisceglie, nel 1993, a un convegno sul disarmo.

Un mese dopo la morte di don Tonino, diventerà tra i promotori della Campagna italiana per la messa al bando delle mine antiuomo.
  • Don Tonino Bello
Altri contenuti a tema
La stanza dove don Tonino fu ricoverato a Gagliano del Capo diventa una biblioteca La stanza dove don Tonino fu ricoverato a Gagliano del Capo diventa una biblioteca Il luogo è nato con l'obiettivo di dare conforto a chi soffre attraverso la cultura e i libri
Il nipote di don Tonino a Molfetta: «Nel suo esempio la strada da seguire» Il nipote di don Tonino a Molfetta: «Nel suo esempio la strada da seguire» Presente stamattina all'inaugurazione della sede dell'ASD "don Tonino Bello"
Domani l'inaugurazione della sede dell'APS Don Tonino Bello a Molfetta Domani l'inaugurazione della sede dell'APS Don Tonino Bello a Molfetta Ci saranno anche il fratello e il nipote del Venerabile
Mercoledì 5 giugno l'inaugurazione della sede sociale dell'ASD "don Tonino Bello" Mercoledì 5 giugno l'inaugurazione della sede sociale dell'ASD "don Tonino Bello" Interverranno anche parenti del Venerabile, oltre al presidente dell'omonima fondazione di Alessano
A Molfetta arriva la sede sociale dell'associazione sportiva-culturale "don Tonino Bello" A Molfetta arriva la sede sociale dell'associazione sportiva-culturale "don Tonino Bello" Il prossimo 5 giugno è prevista l'inaugurazione alla presenza di Stefano, nipote dell'indimenticabile vescovo
Premio letterario "don Tonino Bello" a Molfetta: i vincitori Premio letterario "don Tonino Bello" a Molfetta: i vincitori La premiazione si è tenuta presso il Seminario Vescovile
Trentuno anni fa il Dies Natalis di don Tonino Bello. Il ricordo del sindaco Minervini Trentuno anni fa il Dies Natalis di don Tonino Bello. Il ricordo del sindaco Minervini Il primo cittadino: «La forza del suo pensiero è più che mai viva»
«Chi è Monsignore? Io sono don Tonino»: il racconto di Salvatore La Forgia «Chi è Monsignore? Io sono don Tonino»: il racconto di Salvatore La Forgia A 31 anni dal dies natalis, aneddoti che dimostrano l'umiltà e la semplicità dell'amato vescovo
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.