Il sequestro della Guardia di Finanza
Il sequestro della Guardia di Finanza
Cronaca

Contraffazione a Molfetta: come riconoscere i capi d'abbigliamento taroccati?

Come riconoscere gli abiti contraffatti? I consigli dell'Unione Nazionale Consumatori dopo i sequestri delle Fiamme Gialle

I due sequestri, operati in città dalla Guardia di Finanza, di 853 pezzi tra capi d'abbigliamento ed etichette recanti marchi di note griffe internazionali (leggi qui) e di 289 capi di abbigliamento contraffatti di note griffe (leggi qui) riporta d'attualità il tema della lotta alla contraffazione.

Il fenomeno della contraffazione si presenta come un insieme complesso di violazioni a norme, leggi, regolamenti e di sfruttamento commerciale di prodotti di diverso tipo, mentre il tema della lotta è uno strumento a tutela della nostra economia e del legittimo affidamento di cittadini e consumatori che hanno il diritto (ma anche il dovere) di acquistare capi originali e prodotti nel pieno rispetto delle regole e della legalità.

Si tratta di un argomento al quale l'Unione Nazionale Consumatori, attraverso le sue varie articolazioni territoriali, dedica da molti anni la massima attenzione con campagne di sensibilizzazione e di informazione in tutta Italia, come ad esempio l'iniziativa "Io sono originale", realizzata e finanziata in collaborazione con il Ministero per lo Sviluppo Economico (per informazioni sul progetto: http://www.facebook.com/iosonoriginale).

​«La contraffazione, infatti - spiega l'avvocato Antonio Calvani, responsabile della Delegazione di Molfetta -, rappresenta una costante minaccia per l'economia, per la società, per il portafoglio e per la salute dei consumatori. Essa, infatti, non costituisce soltanto un danno per le aziende italiane e, quindi per lo sviluppo del nostro Paese, ma può essere dannosa anche per i consumatori.

Scarpe, borse, portafogli, cinture contraffatte sono realizzate, spesso in paesi extra UE, con pellami di pessima qualità, che sono spesso difettosi nell'uso, ma possono anche contenere sostanze chimiche (azocoloranti e conservanti organoclorurati) che nelle produzioni italiane ed europee non sono più presenti da anni per restrizioni normative.

Chi acquista questi prodotti consapevolmente (per risparmiare o semplicemente per avere un capo quasi uguale all'originale) spesso ignora il rischio di dermatiti, allergie e disturbi respiratori. Alle volte però, l'acquisto del "tarocco" avviene inconsapevolmente, pagandolo persino ad una cifra solo di poco inferiore a quella dell'originale.

In questi casi può essere molto utile leggere l'etichetta che, ricordiamo, deve avere indicazioni chiare delle tappe percorse dal prodotto nelle varie fasi produttive. In particolare, secondo il Regolamento Europeo 1007/2011 un' etichetta di composizione fibrosa deve riportare:
  • La ragione sociale o il marchio registrato dell'azienda che ha immesso sul mercato il prodotto;
  • Il nome per esteso delle fibre tessili che compongono il prodotto stesso (non devono essere utilizzate sigle o abbreviazioni);
  • Deve indicare la presenza di "parti non tessili di origine animale";
  • Deve essere scritta in lingua italiana in modo chiaro e ben leggibile;​
  • Può non essere presente su prodotti che non siano costituti almeno per l'80% in peso da fibre tessili;
  • Può riportare il termine "puro" o "tutto" se il prodotto tessile è composto interamente da una sola fibra. La tolleranza di altre fibre all'interno dei prodotti definiti al 100% di un'unica fibra o con la dicitura "puro" è equivalente al 2% del peso del prodotto;
  • Deve specificare la percentuale di tutte le fibre presenti, fatte salve le tolleranze e i criteri d'uso della dicitura "altre fibre".
Il consiglio, pertanto, per evitare brutte sorprese è quello di acquistare i capi di abbigliamento da rivenditori affidabili e autorizzati, controllare bene le etichette e diffidare da prodotti con prezzi troppo convenienti, perché in tal caso - conclude Antonio Calvani - difficilmente si tratta di prodotti originali​».
  • Guardia di Finanza Molfetta
  • Antonio Calvani
  • Unione Nazionale Consumatori
Altri contenuti a tema
Scoperto "atelier" del falso a Molfetta: all'interno abiti griffati, ma tarocchi Scoperto "atelier" del falso a Molfetta: all'interno abiti griffati, ma tarocchi Da Adidas a Nike sino a Diesel e Levi's, ma gli abiti erano falsi. Denunciate due persone dalle Fiamme Gialle
Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Operazione "Quinto Piano", revocata un'altra misura cautelare Lucrezia Ribera era stata interdetta dal servizio per 3 mesi. Ritenute idonee le argomentazioni dell'avvocato Michele Salvemini
Operazione "Quinto Piano". Altri 6 dipendenti sospesi dal servizio per 3 mesi Operazione "Quinto Piano". Altri 6 dipendenti sospesi dal servizio per 3 mesi Anche questi "furbetti" rispondono di truffa aggravata e continuata, false attestazioni e peculato
Fallimento Mercatone Uno: quali sono i diritti dei clienti traditi? Fallimento Mercatone Uno: quali sono i diritti dei clienti traditi? Il parere di Antonio Calvani, dell'Unione Nazionale Consumatori: «È necessario che venga inviata una lettera di diffida e messa in mora»
Operazione "Black Friday", 4 arresti a Bisceglie. C'è anche un molfettese Operazione "Black Friday", 4 arresti a Bisceglie. C'è anche un molfettese Fermato un gruppo dedito allo spaccio di stupefacenti: in manette anche Paolo De Gennaro
Furto in un'azienda di Molfetta. La refurtiva trovata su un mezzo lungo la Andria-Bisceglie Furto in un'azienda di Molfetta. La refurtiva trovata su un mezzo lungo la Andria-Bisceglie Trafugati dispositivi elettronici e apparecchi di videosorveglianza dal valore di circa 50mila euro
Vendeva capi d'abbigliamento contraffatti, scattano sequestro e denuncia Vendeva capi d'abbigliamento contraffatti, scattano sequestro e denuncia Irruzione della Guardia di Finanza nell'appartamento di un uomo: militari insospettiti dall'andirivieni di persone
Botti illegali, al setaccio le attività commerciali di Molfetta Botti illegali, al setaccio le attività commerciali di Molfetta Blitz della Guardia di Finanza in città: sequestrati 110 chilogrammi di fuochi illegali
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.