La Fiat Punto ritrovata incendiata in contrada Pozzo Sorgente
La Fiat Punto ritrovata incendiata in contrada Pozzo Sorgente
Cronaca

Auto rubata a Molfetta ritrovata incendiata a Ruvo

L'auto, una Fiat Punto, scoperta dagli uomini della Metronotte in un fondo in località Pozzo Sorgente

All'interno di un appezzamento di terra, nella mattinata di oggi, è stata rinvenuta la carcassa di un'auto completamente danneggiata dalle fiamme. L'auto, una Fiat Punto, era in un fondo agricolo, in contrada Pozzo Sorgente. A recuperarla, il personale della Metronotte, impegnato in un servizio di controllo del territorio.

Gli accertamenti condotti sulla carcassa metallica, in collaborazione con i Carabinieri della locale Stazione, hanno permesso di accertare che l'auto in questione era stata rubata a Molfetta. Sul luogo del ritrovamento, però, i militari non hanno rinvenuto tracce oppure contenitori con liquido infiammabile. Chi ha appiccato il fuoco deve aver utilizzato un potente accelerante: il fuoco ha infatti avvolto l'intera carrozzeria, sino a carbonizzarla completamente.

L'autovettura, come da prassi, è stata sequestrata e affidata al deposito giudiziario, mentre gli uomini dell'Arma stanno adesso indagando per scoprire le possibili ragioni di un simile gesto. La Fiat Punto, infatti, potrebbe essere servita per commettere qualche reato nei paesi viciniori e successivamente data alle fiamme per distruggere ogni traccia. Ma questa non è l'unica ipotesi su cui stanno lavorando i militari dell'Arma, dipendenti della Compagnia di Molfetta.

Gli inquirenti stanno cercando di capire cosa sia successo. Se l'auto rappresenta un cavallo di ritorno fallito, ad esempio. Per ora i militari stanno cercando ogni elemento nell'ambito delle indagini. Di elementi, però, non ne potranno essere trovati neanche grazie alla vettura: l'auto, infatti, è andata distrutta.
  • Incendi Molfetta
  • Furti auto Molfetta
Altri contenuti a tema
Bruciano due ettari di ulivi fra Molfetta e Terlizzi. «Viene da piangere» Bruciano due ettari di ulivi fra Molfetta e Terlizzi. «Viene da piangere» Con il caldo si moltiplicano gli incendi, sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco
Criminalità, reati in aumento: +4,76%. Al primo posto i furti d'auto Criminalità, reati in aumento: +4,76%. Al primo posto i furti d'auto I dati sono stati diffusi in occasione della festa dei Carabinieri alla presenza del prefetto Bellomo e del generale Spagnolo
Automobili nel mirino, continua la razzia di pezzi di ricambio Automobili nel mirino, continua la razzia di pezzi di ricambio Continuano i furti, due le auto ritrovate cannibalizzate dalle Guardie Campestri
Rubano un'auto e si danno alla fuga sulla 16 bis, arrestati dai Carabinieri Rubano un'auto e si danno alla fuga sulla 16 bis, arrestati dai Carabinieri Due cerignolani di 30 e 26 anni sono stati bloccati su una piazzola di sosta. Si cerca il terzo complice
Brucia un'auto in via Paolo Poli: sul posto i Vigili del Fuoco Brucia un'auto in via Paolo Poli: sul posto i Vigili del Fuoco Le fiamme hanno avvolto una Opel Meriva e, sospinte dal vento, hanno lambito anche una Peugeot 208
«Sui veleni del carcere di Trani responsabilità precise» «Sui veleni del carcere di Trani responsabilità precise» Nuova presa di posizione del Sappe. Intanto De Pinto sarà convocato alla Camera in commissione Antimafia
1 Incendio in piazza Garibaldi, distrutto il dehor del bar Style Incendio in piazza Garibaldi, distrutto il dehor del bar Style Le fiamme, che hanno danneggiato anche un'auto, sono state domate dai Vigili del Fuoco. Indagano i Carabinieri
In fiamme le autovetture del vice comandante del carcere di Trani In fiamme le autovetture del vice comandante del carcere di Trani Emergono i primi dettagli sulle indagini: il commissario De Pinto avrebbe già ricevuto minacce scritte al vaglio della Procura
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.