Il giudice Giuseppe De Benedictis
Il giudice Giuseppe De Benedictis
Cronaca

Arsenale ad Andria, il proprietario della villa: «Locale in uso a De Benedictis»

Lo riferisce l'avvocato Malcangi, difensore dell'imprenditore agricolo arrestato dalla Squadra Mobile di Bari

Secondo il proprietario della villa di Andria dove la Squadra Mobile di Bari giovedì scorso ha trovato un arsenale, la dependance sotto la quale erano nascoste le armi «era nella disponibilità» dell'ex giudice molfettese Giuseppe De Benedictis, arrestato e rinchiuso nel carcere di Lecce per presunti episodi di corruzione.

Lo riferisce l'avvocato Mario Malcangi, legale difensore dell'imprenditore agricolo proprietario della villa, il 56enne Antonio Tannoia, arrestato in flagranza dopo il ritrovamento dell'arsenale. La perquisizione era stata disposta dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, la stessa che indaga su De Benedictis per presunti episodi di corruzione in atti giudiziari in concorso con l'avvocato Giancarlo Chiariello, in carcere per la stessa inchiesta su scarcerazioni in cambio di denaro.

L'imprenditore è in carcere con le accuse di detenzione illegale di armi, comuni e da guerra, e di ricettazione. In sede di udienza di convalida dell'arresto dinanzi al gip del Tribunale di Trani, l'imprenditore si è avvalso della facoltà di non rispondere, anticipando la disponibilità a parlare con la Procura di Lecce, ma durante la perquisizione aveva fatto dichiarazioni spontanee dicendo che le armi non erano sue e che il locale dov'erano custodite era nella disponibilità dell'ex giudice.

De Benedictis, durante l'interrogatorio di garanzia, ha confessato ed è stato poi sottoposto ad un altro interrogatorio investigativo. I difensori, gli avvocati Saverio Ingraffia e Gianfranco Schirone, hanno chiesto sostituzione della misura cautelare in carcere con gli arresti domiciliari e oggi è attesa la decisione del gip.
  • Giuseppe De Benedictis
Altri contenuti a tema
1 Arresti De Benedictis e Chiarello: presentate istanze al Riesame Arresti De Benedictis e Chiarello: presentate istanze al Riesame Entrambe le richieste di scarcerazione si fondano sulla asserita cessazione delle esigenze cautelari
De Benedictis resta in carcere, sue dichiarazioni «non coerenti» De Benedictis resta in carcere, sue dichiarazioni «non coerenti» Lo ha deciso il Gip di Lecce, Giulia Proto, ritenendo «non cessate le esigenze cautelari»
Arsenale ad Andria: il sequestro da un'indagine parallela a quella su De Benedictis Arsenale ad Andria: il sequestro da un'indagine parallela a quella su De Benedictis Gli agenti della Squadra Mobile hanno trovato mitragliatori d'assalto, bombe a mano, mine anticarro e pistole
Arresto De Benedictis: nuovo interrogatorio di 4 ore Arresto De Benedictis: nuovo interrogatorio di 4 ore L'ormai ex Gip del Tribunale di Bari è stato ascoltato dal pm Pontrera nel carcere di Lecce
4 De Benedictis confessa: «Sconvolto dopo la morte di mia moglie» De Benedictis confessa: «Sconvolto dopo la morte di mia moglie» L'ex Gip è stato interrogato oggi nel carcere di Lecce: «Ho agito dopo un corto circuito mentale dovuto alla morte di mia moglie»
Arresto De Benedictis: a casa del Gip trovati altri 4mila euro Arresto De Benedictis: a casa del Gip trovati altri 4mila euro Il denaro, oltre ai circa 60mila euro già sequestrati, era nelle prese di derivazione elettrica
Il Gip al telefono: «Mi arresteranno, spero nei domiciliari» Il Gip al telefono: «Mi arresteranno, spero nei domiciliari» Così parlava il giudice di Molfetta, al telefono, con un suo amico: «4 anni me li prenderò di sicuro»
1 Arresto De Benedictis, sono 12 gli indagati. TUTTI I NOMI Arresto De Benedictis, sono 12 gli indagati. TUTTI I NOMI Ecco tutti i nomi delle persone coinvolte nel blitz della Procura della Repubblica di Lecce e dei Carabinieri
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.