Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Armi e droga dall'Albania, il legale di Grosso: «Il mio assistito rimesso in libertà»

L'avvocato Masellis: «Ha chiarito la propria posizione, sostenenendo la propria estraneità ai fatti»

«Il mio assistito, Raffaele Grosso, a seguito dell'interrogatorio di garanzia svoltosi dinanzi al giudice per per le indagini preliminari Francesco Mattiace ha chiarito la propria posizione e la dinamica degli eventi, sostenendo la propria estraneità ai fatti ed è stato immediatamente rimesso in libertà».

Ė quanto afferma l'avvocato penalista Maurizio Masellis, difensore del 69enne molfettese accusato del reato di ricettazione, arrestato - insieme ad altre 19 persone - dalla Guardia di Finanza di Bari all'esito di
una lunga e complessa indagine partita nel dicembre 2015 nei confronti di un'organizzazione criminale composta da italiani - tra cui personaggi contigui al clan Strisciuglio - e albanesi, ritenuti responsabili di molteplici reati, a partire dall'associazione finalizzata al traffico di stupefacenti.

L'organizzazione criminale italo-albanese aveva messo in piedi un imponente traffico di stupefacenti e di armi. I natanti utilizzati per il traffico di droga dalle coste albanesi a quelle pugliesi - gommoni dotati di potenti motori fuoribordo - erano rubati e modificati per il trasporto di grandi quantità di marijuana, rimuovendo gli arredi nautici, ampliando la capacità dei serbatoi e potenziando le motorizzazioni. Tra i destinatari del provvedimento restrittivo agli arresti domiciliari anche Grosso.

Il 69enne, a distanza di 10 giorni, è tornato un uomo libero: «A seguito dell'interrogatorio di garanzia - ha detto Masellis - ha chiarito la propria posizione in riferimento ai fatti contestati, sostenendo la propria estraneità in relazione alle persone coinvolte e ai gravi fatti oggetto di imputazioni».
  • Maurizio Masellis
  • Raffaele Grosso
Altri contenuti a tema
«Il mio assistito accusato di un solo episodio di ricettazione» «Il mio assistito accusato di un solo episodio di ricettazione» Nell'operazione della Guardia di Finanza coinvolto anche il molfettese Grosso: la precisazione dell'avvocato Masellis
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.