P JPG
P JPG

50 anni dell’Avis: logo creato dagli alunni dell’Istituto “Mons. Bello”

Il presidente Gadaleta: «emergenza rientrata, ma non dimentichiamo di donare sangue»

Giovanna Piscitelli della 4 G settore grafica dell'Istituto "Mons. Bello" di Molfetta è la vincitrice del concorso per la creazione del logo per celebrare i 50 anni di presenza sul territorio dell'Avis.

Il logo creato da Giovanna è semplice e racconta la storia di una grande associazione di volontariato e dello stretto rapporto con la nostra città.

Il simbolo dell'Avis rimane quello tradizionale ma la semplice scritta Molfetta, con una grafia quasi elementare dona al lavoro una sensazione di chiarezza e di raffinatezza. Il Duomo stilizzato è veramente una chicca preziosa al suo elaborato. Semplice, dicevamo, al contempo anche efficace, comunicativo e tipograficamente utilizzabile. Infatti, il poterlo utilizzare dal punto di vista tipografico è stata la carta vincente.

Non è stata facile la scelta per commissione composta da tre docenti e due componenti dell'Avis, il presidente, Cosimo Gadaleta, e Gaetano Amato, tipografo della "Nuova Mezzina".

E' il presidente dell'Avis a motivare la vittoria: «abbiamo scelto in base alle esigenze tipografiche, oltre che la pertinenza al territorio». L'elaborato di Giovanna Piscitelli, come dicevamo, racchiude queste caratteristiche. «Gli altri elaborati- ha assicurato Gadaleta- verranno utilizzati per la creazione di manifesti e locandine».

I lavori dei ragazzi saranno in mostra presso la sala dei Templari sino al 29 gennaio prossimo. L'inaugurazione è stato un momento di festa per l'Istituto, che ha visto la presenza dei docenti, della dirigente scolastica, Maria Rosaria Pugliese, e ovviamente degli alunni, e per l'Avis, che continua incessantemente il suo lavoro di promozione sul territorio e nelle scuole.

Abbiamo chiesto al presidente, Cosimo Gadaleta, come è cambiato in questi 50 anni l'Avis: «nel novembre del 1967 erano in pochi coloro che decisero di mettere insieme questa associazione finalizzata all'esigenza della donazione di sangue. All'epoca a Molfetta non c'era il Centro trasfusionale e pertanto si doveva andare a Barletta oppure la raccolta avveniva nei pressi delle chiese, in alcuni locali, e a volte anche nelle tende.

All'inizio erano pochi i donatori, fino ad arrivare agli anni '80 quanto venne istituito il Centro trasfusionale a Molfetta, che tutt'oggi è il fiore all'occhiello della Regione Puglia, basti pensare che raccoglie circa 13 mila sacche fra sangue, plasma, piastrine e emaferesi, siamo un serbatoio da cui attingono molti ospedali, in primis il Policlinico».

Oggi l'Avis di Molfetta conta circa 1500 donatori attivi, nel senso che donano in maniera periodica e continuativa. L'anno 2016 si è chiuso con 3050 donazioni.

Dopo l'appello lanciato dall'Avis nei giorni scorsi, prontamente i donatori hanno risposto. Infatti, è rientrata anche l'emergenza per la mancanza di sangue, in particolare dello 0 negativo, per cui si è dovuto sospendere anche degli interventi, operando solo le urgenze.

Il presidente Gadaleta precisa «è rientrata l'emergenza, ma non dimentichiamoci di donare sangue perché è l'unico elemento che al momento non può essere riprodotto in laboratorio».
P JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPGP JPG
  • avis
  • AVIS Molfetta
  • Istituto mons. Bello
Altri contenuti a tema
“Dieta sana fa buon sangue”, mercoledì 25 gennaio nella sede di Avis Molfetta “Dieta sana fa buon sangue”, mercoledì 25 gennaio nella sede di Avis Molfetta L’incontro, in collaborazione con Coldiretti, è volto a promuovere corretti stili di vita
Servizio civile: 2 posti per il progetto di Avis Molfetta Servizio civile: 2 posti per il progetto di Avis Molfetta Le domande di adesione dovranno essere compilate entro le 14 del 10 febbraio
“Avis Molfetta Scuola Tour”: termina la sensibilizzazione per il 2022 “Avis Molfetta Scuola Tour”: termina la sensibilizzazione per il 2022 Le prossime tappe negli istituti scolastici vedranno Avis Molfetta protagonista nel 2023
I 55 anni di Avis Molfetta: l'associazione presenta il suo inno I 55 anni di Avis Molfetta: l'associazione presenta il suo inno I donatori avisini in festa tra musica e solidarietà
"Passeggiare per conoscere, sensibilizzare per donare": successo per l'iniziativa nel fine settimana "Passeggiare per conoscere, sensibilizzare per donare": successo per l'iniziativa nel fine settimana Ad organizzarla l'Associazione Panathlon, l'AVIS e Coldiretti
Inaugurata nella sede Avis Molfetta la sala di telemedicina intitolata al dottor Enrico Pansini Inaugurata nella sede Avis Molfetta la sala di telemedicina intitolata al dottor Enrico Pansini Il cardiologo ha perso la vita a inizio 2021 dopo aver contratto il Covid
L'Avis Molfetta inaugura una sala medica in ricordo del dottor Enrico Pansini L'Avis Molfetta inaugura una sala medica in ricordo del dottor Enrico Pansini Il cardiologo è deceduto nel gennaio 2021 vittima del Covid
L'Avis Molfetta celebra Francesco Salvemini per le 200 donazioni di sangue L'Avis Molfetta celebra Francesco Salvemini per le 200 donazioni di sangue L'associazione: «Traguardo raggiunto con consapevolezza»
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.