Una delle cinque tartarughe liberate a Bisceglie
Una delle cinque tartarughe liberate a Bisceglie
Cronaca

5 tartarughe tornano in libertà, la tecnologia salva le caretta caretta

Gli esemplari, dopo la degenza nel centro di Molfetta, hanno ripreso il mare con un tracking satellitare

Centuripe, Palizzolo, Fitalia, Bompietro, Brolo.

Sono i nomi delle prime cinque tartarughe marine, tutte della specie caretta caretta, che hanno finalmente ritrovato la libertà al largo di Bisceglie, stavolta con un compagno speciale: al posto delle classiche targhette, un tracking satellitare, che le accompagnerà nei loro spostamenti in mare e consentirà ai ricercatori sloveni dell'Università di Primorska di poter seguire in tempo reale le loro rotte.

Gli esemplari, quattro maschi (il più grande aveva un carapace lungo 82 centimetri) ed una femmina (la più pesante del gruppo che pesava ben 69 chilogrammi), dopo una permanenza nel centro di recupero, sono tornati a casa, tuffandosi finalmente nel blu.

Sono stati liberati da Pasquale Salvemini, con la collaborazione della Bisceglie Approdi, nell'ambito di Life Euroturtles, un progetto per la conservazione delle tartarughe marine svolto in sei paesi europei (oltre all'Italia, coinvolge Croazia, Slovenia, Grecia, Cipro e Malta) e cofinanziato dal programma Life dell'Unione Europea.

L'attività di tracking satellitare è nata dalla collaborazione tra l'associazione Panda, che gestisce il centro di recupero di Molfetta, e il Dipartimento di Biologia dell'Università La Sapienza di Roma e mira a identificare le zone maggiormente frequentate dalle tartarughe marine nel mar Adriatico pugliese.

Da alcuni anni, infatti, numerosi studi hanno evidenziato l'importanza di quest'area come luogo di concentrazione delle caretta caretta, la tartaruga marina più comune del mar Mediterraneo, ma ormai al limite dell'estinzione.

Ma come funziona il tracking satellitare? Il sistema di tracciamento viene applicato sul carapace e quando la tartaruga emerge per respirare, raccoglie la posizione GPS e la trasmette attraverso la rete GSM permettendo ai ricercatori di seguire i suoi spostamenti e implementare lo studio della biologia di questi animali.

Un nuovo dispositivo, più semplice ed economico di altri, che rappresenta un punto di partenza fondamentale per le azioni di salvaguardia messe in campo dal WWF.

Le tartarughe marine, seppur presenti nel Mediterraneo, sono costantemente minacciate dalle attività umane, prima fra tutte la pesca: possono rimanere intrappolate nelle reti a strascico oppure ingoiare ami e rimanere ferite. Sapere in quali aree si concentrano è il primo passo per proteggerle.
  • Tartarughe Molfetta
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Due tartarughe marine accomunate da un tragico destino Due tartarughe marine accomunate da un tragico destino Liberate entrambe nel 2017, si sono spiaggiate fra Tel Aviv e Barletta. Salvemini: «Un grosso danno»
Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Un'altra tartaruga morta a Molfetta, trovata al lungomare Colonna Continuano i ritrovamenti lungo la costa. Nelle ultime 48 ore sono stati rinvenute circa 40 carcasse
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
Carcassa di tartaruga spiaggiata a cala San Giacomo Carcassa di tartaruga spiaggiata a cala San Giacomo L'esemplare, in avanzato stato di decomposizione, è stato recuperato dai volontari del WWF
Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Due tartarughe morte spiaggiate a Molfetta Si tratta di altrettanti esemplari della specie caretta caretta. È intervenuta la Guardia Costiera
AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine AdrioNet, recuperate vive 483 tartarughe marine All'interno della Rete Adriatico-Ionica anche il centro di recupero tartarughe marine di Molfetta
Un docufilm sulle tartarughe marine del centro di Molfetta Un docufilm sulle tartarughe marine del centro di Molfetta Un documentario racconta il lavoro dei volontari del WWF che si occupano delle caretta caretta
Tartaruga caretta caretta morta trovata a Torre Calderina Tartaruga caretta caretta morta trovata a Torre Calderina L'esemplare, in avanzato stato di decomposizione, era lungo ben 70 centimetri
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.