patruno
patruno
Calcio

Ecco Michele Patruno detto mister "Pagnotta"

Dopo la Terza Categoria il tecnico prepara il double in Coppa Puglia

Non è semplice raccontare Michele Patruno. Perchè è un personaggio dalle mille sfaccettature. Sotto la scorza da duro, si nasconde un "padre" affettuoso. Sotto la superficie da allenatore burbero, si nasconde un bonaccione di quelli con cui ti siederesti a tavola e ti alzeresti dopo una mezza dozzina d'ore, con il conto delle grappe perso, come quello delle risate. Sotto il dialetto molfettese, si nasconde un fine filosofo.

Eppure, Michele Patruno da Molfetta ha scritto la storia. Quella del calcio locale, certo. Ma anche quella di tanti ragazzi che, sotto la sua ala protettrice, sono diventati uomini e hanno scritto la storia a loro volta. Perchè è per questo, poi, tutto sommato, che ci danniamo l'anima. Per lasciare un segno del nostro passaggio. E di segni, in questa stagione, Michele Patruno ne ha lasciati parecchi.

"Pagnotta" (l'origine del soprannome è oscura e si perde nel tempo, anzi nella storia della sua famiglia di origine) si divide tra la sua passione, il pallone, e il suo lavoro, nella bottega dove vende prodotti ortofrutticoli. Una bottega, per cui il mister indossa il camice e se lo sporca di sudore, svegliandosi presto, imparando a faticare, imparando a vivere. Quasi un presagio, a far capire che di calcio non si mangia. Ma Michele Patruno è ostinato, cocciuto. Da calciatore, ha avuto una carriera onesta e rispettabile, condita anche da qualche record personale.

Ma è quando Michele Patruno decide di passare dall'altro lato della barricata che diventa quasi leggenda. Si siede sulla panchina della squadra della sua città dalla scorsa estate. Una squadra sconosciuta chiamata Borgorosso Molfetta e che non avrebbe dovuto nascere ma che, per una situazione un po' particolare, si ritrova in Terza Categoria. A fine anno, con "Pagnotta" in panchina, vincerà i playoff, portandosi a casa la promozione. Patruno che quell'incarico lo aveva accettato addirittura gratis. Per amore, solo per amore. E' ufficialmente nato un grande allenatore.

E' il suo carattere a portarlo alla ribalta. Perchè è abituato a rimboccarsi le maniche e lavorare. E' abituato a fare le nozze con i fichi secchi, e se non ci sono neppure quelli, pazienza, in qualche modo si farà lo stesso. La sua squadra non sarà piena zeppa di campioni, eppure danno sempre l'anima in campo. Ed è quello che fa la differenza.

Sempre vero, sempre al cento per cento autentico. Senza mai dover mettere una parola fuori posto o qualcosa di sbagliato. Questo è Michele Patruno: burbero, ma simpatico. Duro, ma un bonaccione, se riesci a scavare fino in fondo al suo animo. Soprattutto, un grande uomo di sport. E' una sorta di Re Mida, che riesce a tirare fuori dalla sua squadra sempre il meglio. Stuzzica la squadra, e di tanto in tanto preferisce prendersi addosso le responsabilità.

Il ragazzo di bottega è diventato grande, è pronto a collezionare un altro trofeo: la Coppa Puglia. Lo spogliatoio della sua squadra è un fortino inespugnabile, un luogo in cui nascono grandi gruppi e grandi uomini prima che grandi calciatori. Forma giovani talenti e recupera campioni che sembravano alla frutta. Coraggio, tecnica, solidità. Questi i pilastri che cementano il gruppo che "Pagnotta" gestisce. Questi i segreti dei suoi successi, insieme ad una straordinaria dedizione e umiltà.

  • Calcio
  • borgorosso
Altri contenuti a tema
Tutti insieme nel nome di Marco Messina: ieri il Memorial a lui dedicato Tutti insieme nel nome di Marco Messina: ieri il Memorial a lui dedicato Match in amicizia e solidarietà per ricordare il giovane scomparso nel 2008
Serie A, Giovanni Ayroldi designato come arbitro di Bologna-Juventus Serie A, Giovanni Ayroldi designato come arbitro di Bologna-Juventus Il fischietto di Molfetta dirigerà il match che vale il terzo posto
La Fidelis Andria pensa al futuro: Nicola Ragno primo obiettivo per la panchina La Fidelis Andria pensa al futuro: Nicola Ragno primo obiettivo per la panchina L'allenatore di Molfetta è il prescelto per puntare al salto in C nella prossima stagione
Il Nepal di ct Annese in Inghilterra per sfidare la nazionale C Il Nepal di ct Annese in Inghilterra per sfidare la nazionale C Vincono i padroni di casa 2-0 contro gli asiatici
Dalla Scozia a Molfetta, un omaggio biancorosso per una famiglia in vacanza Dalla Scozia a Molfetta, un omaggio biancorosso per una famiglia in vacanza Una sciarpa simbolo di accoglienza e unione
Spareggio per la Serie D: il Bisceglie crolla 4-0 contro l'Ugento Spareggio per la Serie D: il Bisceglie crolla 4-0 contro l'Ugento Dopo aver superato il Molfetta, i nerazzurri stellati cadono contro i salentini
Serie D, due big pugliesi retrocedono in Eccellenza Serie D, due big pugliesi retrocedono in Eccellenza Barletta e Bitonto saranno nel girone unico 2024/25 con il Molfetta
Non solo Fidelis Andria: anche il Casarano su Nicola Ragno Non solo Fidelis Andria: anche il Casarano su Nicola Ragno L'allenatore di Molfetta nel mirino di più club di Serie D
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.