stadio paolo poli
stadio paolo poli
Calcio

Attesa finita: riparte il campionato per la Molfetta Sportiva

Al Paolo Poli (ore 15.30) arriva il Castellaneta

Un'attesa spasmodica... Era da tanto tempo che non si avvertiva una tensione simile nei giorni pre campionato. Tanti i fattori che stanno contribuendo a caricare di pathos la sfida del Paolo Poli contro il Castellaneta. Quella trascorsa è stata una settimana di fuoco, una settimana utile per rilanciarsi in campionato, dopo la batosta in Coppa Italia nella gara d'andata contro Gravina.
Una settimana campale, cruciale, al limite delle considerazioni estreme.

Si comincia con la sfida casalinga contro il Castellaneta. Si comincia a fare sul serio. Se la bella Molfetta Sportiva promessa almeno a parole durante l'estate non è sparita, se è soltanto finita in letargo dopo le fatiche della preparazione estiva e se davvero può rilanciarsi mettendo a tacere le prime critiche, questo è il momento giusto per dimostrare che la strada dalla quale Fumai ha deciso di non spostarsi, è quella giusta.

Non bisogna dare peso alle sconfitte è il credo di Fumai, perché per lui prima o poi i calciatori impareranno quel calcio che sta provando ad impartire loro da qualche mese a questa parte. Meglio prima che poi. Diceva Totò, "ogni limite ha una pazienza" e pure quella dei tifosi molfettesi comincia a vacillare, al sol pensiero degli investimenti fatti nell'ultima sessione di mercato per dare a quella Molfetta Sportiva, un tecnico valido ed acquisti di alto profilo per fare il salto di qualità e dare l'assalto ai playoff. Se poi riesci pure a convincere i tifosi che il tuo progetto è giusto quasi quanto quello di altri top club di categoria, allora sì che la spesa vale l'impresa.

Fallire non si può, non si deve, essendo quello biancorosso un club che campa di successi sportivi. In una situazione simile occorre adottare la politica dei piccoli passi, aggiungendo uno o due pezzi su di un mosaico che dovrebbe essere incoraggiato e non demolito. Tutto il resto sono chiacchiere, perché sarebbe impossibile aspettarsi vittorie nell'immediato. Tutto e subito non può aversi. Serve pazienza. A Molfetta solitamente bisogna essere malleabili, nella vita di tutti i giorni quanto nel calcio, ed esser bravi a trovare il giusto compromesso per soddisfare una platea stufa dei piazzamenti e desiderosa, oggi, di essere tra le prime almeno nel pallone. Questa è Molfetta. Qui la serenità è un difetto e diventa obbligatorio tirare fuori l'"incazzatura" per superare ostacoli altrimenti insormontabili. A Molfetta serve questa qualità intraducibile per cancellare il divario con chi ha di più. Perché Molfetta può anzi deve essere ambiziosa.
  • Calcio
  • molfetta sportiva
Altri contenuti a tema
Eccellenza, in attesa dei play-off si sono disputati i play-out: i risultati Eccellenza, in attesa dei play-off si sono disputati i play-out: i risultati Inizia a chiarirsi il quadro verso il girone unico 2024/25
Termina la regular season di Eccellenza 2023/24: i verdetti finali Termina la regular season di Eccellenza 2023/24: i verdetti finali A chiusura della 26^ giornata si chiarisce il quadro di play-off e play-out
Ultima giornata di Eccellenza pugliese: i risultati Ultima giornata di Eccellenza pugliese: i risultati Ultimo turno a chiudere la regular season
Oggi Molfetta Sportiva e Borgorosso salutano il campionato di Eccellenza Oggi Molfetta Sportiva e Borgorosso salutano il campionato di Eccellenza Sfide, ormai inutili per la classifica, contro Unione e Polimnia
Presentato il progetto del centro di salute mentale di Molfetta con la squadra Aquile Azzurre Presentato il progetto del centro di salute mentale di Molfetta con la squadra Aquile Azzurre La riabilitazione sociale dentro e fuori dal campo
Prima Categoria, colpo salvezza per la Virtus Molfetta Prima Categoria, colpo salvezza per la Virtus Molfetta Successo fondamentale in casa del Real San Giovanni
Mondiale 2026, svanisce il sogno di qualificazione del CT Annese Mondiale 2026, svanisce il sogno di qualificazione del CT Annese Il suo Nepal è aritmeticamente fuori dal terzo turno asiatico
L'ex Molfetta Assane Diame aggredito dai tifosi del Bitonto: ha lasciato il club neroverde L'ex Molfetta Assane Diame aggredito dai tifosi del Bitonto: ha lasciato il club neroverde Il portiere classe 2004, in biancorosso nella scorsa stagione, è rimasto turbato dal vile attacco
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.