Treno
Treno
Scuola e Lavoro

Treni strapieni. Paghi e resti in piedi

Trasporto ferroviario a pezzi con rincari ingiustificati

Treni carichi all'inverosimile. Stipati come sardine, i viaggiatori, per la maggior parte studenti e lavoratori che si servono quotidianamente del treno, sono costretti a stringersi all'inverosimile. Una vicenda surreale, come testimonia Giordano un pendolare. « Per andare in Università – dice - ho la sfortuna di trovarmi a bordo del treno per Bari e il servizio peggiora ogni giorno che passa. C'è ogni mattina una marea di gente, tanto che alla fermata Bari-Palese più di uno studente e lavoratore che aspetta di salire rischia di rimanere a terra. Purtroppo la causa principale è la disorganizzazione generale di Trenitalia. Credo che i problemi nascano quando viene magari soppressa una corsa senza essere sostituita – continua - costringendo i passeggeri a stiparsi in quella successiva, con le conseguenze che vediamo ogni giorno».

A conti fatti ogni giorno bisogna vedersela con treni sovraffollati nella stazione della propria città, dove sicuramente sarebbe necessaria una diversa rimodulazione della composizione del materiale rotabile e maggiore attenzione alla pulizia dei mezzi, compresi i finestrini. Manca una vera offerta commerciale che soddisfi la grande domanda di mobilità. I treni vecchi e fatiscenti cadono a pezzi. E questo è un dato di fatto. Corrosi dalla ruggine e devastati dai guasti con sedili rotti, sporchi e inutilizzabili. Per non parlare dei servizi igienici, spesso inadoperabili. Un disagio quotidiano che per i pendolari continua da anni. E poi i ritardi. Perenni. Che fanno diventare i viaggi dei pendolari una vera e propria odissea.

Vista la situazioni viene da chiedersi: perché l'alta velocità vede crescere investimenti e utili mentre i treni per i pendolari sono abbandonati? Crescono le Frecce rosse, diminuiscono i tempi di percorrenza tra Roma e Milano, ma nell'universo parallelo i regionali sono sempre meno. I treni a percorrenza breve sono sempre più ridotti ai minimi termini. A volte non solo in ritardo, non passano proprio. Saltano una, due, tre corse per un'avaria, uno sciopero senza preavviso. Viste le circostanza diventa davvero difficile giustificare il pagare sempre di più per servizi che valgono sempre di meno. Alla fine, come sempre, i rincari introdotti a livello di ferrovie nazionali si sono scaricati sulle fasce più deboli della popolazione e sugli utenti pendolari.

Insomma, la situazione del trasporto ferroviario ha ricadute non certo positive sulla città, che ogni giorno vede studenti universitari e lavoratori, sperare che il treno sia più vuoto del solito. Una vera e propria utopia con susseguente aumento di nervosismo, per chi acquista il biglietto dei convogli regionali e si trova a dover sgomitare con decine di altre persone nelle stesse condizioni, per salirvi. Ma non è tutto, perché dopo i binari sbrecciati e i viaggi in treno che tanto somigliano a quelli dei carri bestiame sono arrivati i rincari sui biglietti a partire da settembre 2013. Aumentare di un altro 7% il biglietto dei treni significa non comprendere le difficoltà che i cittadini stanno attraversando e significa agire in maniera totalmente opposta alla politica, evidentemente solo propagandata dalla Regione, che dovrebbe incentivare il trasporto su rotaia. Gli aumenti, secondo i bene informati, derivano degli adeguamenti alle variazioni Istat, previsti dai contratti di servizio tra la Regione e le società concessionarie di trasporto pubblico e già più volte rimandati dalla Regione. Quello che, però, Trenitalia dimentica è che la situazione dei treni è veramente un pessimo "biglietto" per chi viaggia quotidianamente.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • trasporti
  • disagi
  • treni
Altri contenuti a tema
Caro benzina, il prezzo del carburante alle stelle: superati i 2 euro al litro Caro benzina, il prezzo del carburante alle stelle: superati i 2 euro al litro Si tratta del costo più alto degli ultimi 14 anni
Treni e autobus, in Puglia la capienza passa da 50% a 80% Treni e autobus, in Puglia la capienza passa da 50% a 80% Allentamento delle restrizioni Covid concordato con il ministero della Salute
Lavoro e sicurezza srl: la professionalità nei servizi di trasporto, traslochi e facchinaggio Lavoro e sicurezza srl: la professionalità nei servizi di trasporto, traslochi e facchinaggio Tutte le informazioni sui servizi più richiesti
Da domani ripresa a pieno carico dei trasporti pubblici in Puglia Da domani ripresa a pieno carico dei trasporti pubblici in Puglia Ordinanza regionale firmata da Michele Emiliano
La Puglia non si ferma: previsti finanziamenti ai trasporti anche per Molfetta La Puglia non si ferma: previsti finanziamenti ai trasporti anche per Molfetta Intervento da 300mila euro. La nota dell'assessore regionale Giovanni Giannini
Treno in avaria, altra mattinata di passione per i pendolari molfettesi Treno in avaria, altra mattinata di passione per i pendolari molfettesi Il treno Molfetta-Bari stra colmo: a Palese passeggeri a terra
Disavventura per un gruppo di pendolari sulla tratta Molfetta-Bari Disavventura per un gruppo di pendolari sulla tratta Molfetta-Bari Continuano i disagi con i treni regionali diretti nel capoluogo
Madonna dei Martiri, il rettore della Basilica denuncia il degrado Madonna dei Martiri, il rettore della Basilica denuncia il degrado Ad oggi solo promesse di propaganda politica?
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.