Gli attrezzi da scasso sequestrati dai Carabinieri
Gli attrezzi da scasso sequestrati dai Carabinieri
Cronaca

Raffica di furti di auto, scattano due arresti. Sequestrati arnesi da scasso

Operazione dei Carabinieri: in carcere due 21enni di Cerignola presi in flagranza dopo aver tentato di rubare una Fiat Panda

Una vera e propria coppia specializzata in furti di auto è stata arrestata in flagranza di reato a Molfetta, nella giornata di martedì. I Carabinieri, che hanno portato in carcere due 21enni di Cerignola, accusati di tentato furto aggravato, hanno sequestrato numerosi arnesi atti da scasso e un elenco con alcuni modelli di auto.

In particolare, a seguito dei numerosi casi di furti d'auto, che avevano generato tra la popolazione un elevato allarme sociale, l'attenzione dei militari della locale Compagnia si è fatta alta e sono stati predisposti vari servizi specifici finalizzati al contrasto del fenomeno criminale. E proprio nell'ambito di tali servizi, già nella sera del 9 luglio scorso, a Giovinazzo, una pattuglia della Stazione cittadina aveva sventato il furto di un'Audi A3, recuperata e restituita al legittimo proprietario.Ed è sempre nel contesto di tali servizi straordinari mirati al contrasto dei furti di auto che i militari della Sezione Radiomobile, nella giornata di martedì, dopo una segnalazione giunta al 112, sono tempestivamente intervenuti in via Puccini sorprendendo due ladri mentre stavano tentando di rubare una Fiat Panda. Alla vista della pattuglia, hanno anche tentato di fuggire a piedi per le strade circostanti, ma, inseguiti, sono stati bloccati e arrestati, prima di essere trasferiti in caserma.

Non è finita qui: i militari, inoltre, hanno anche rinvenuto e sequestrato vari arnesi atti allo scasso, chiavi a bussola, punzoni in metallo, cacciaviti nonché un foglio con un elenco di modelli di auto e i relativi anni d'immatricolazione. I due 21enni, accusati di tentato furto aggravato, sono stati portati nel penitenziario di Trani.
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Furti auto Molfetta
Altri contenuti a tema
Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Rubano un'auto e la trainano: intercettata dai Carabinieri, finisce sul guard rail Nottata movimentata sul cavalcavia di Cola Olidda, dove si è conclusa la folle corsa di una Volkswagen Golf rubata a Molfetta
Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Maltrattamenti in casa, braccialetto elettronico al marito violento Il provvedimento d'urgenza del Tribunale di Bari applicato dopo la denuncia della donna. Applicata la misura cautelare
Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere Ai domiciliari, viola gli obblighi: insegnante 57enne finisce in carcere L'uomo, residente a Molfetta e accusato del reato di maltrattamenti in famiglia, è stato arrestato dai Carabinieri
Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari Trovate in casa con la cocaina: 48enne passa dal carcere ai domiciliari La donna, arrestata lo scorso 6 marzo, su istanza del proprio legale, ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare
Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Maxi-confisca: le indagini iniziate nel 2016. La difesa: «Diremo la nostra» Nel mirino Giuseppe Manganelli: l'attività avviata dopo alcuni controlli stradali. L'avvocato Poli: «A breve le nostre precisazioni»
Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Maxi confisca all'imprenditore Manganelli: sigilli all'impero da 50 milioni Operazione dei Carabinieri: tra i beni confiscati 15 fabbricati, tra i quali la villa, con vista mare, dove vive il 55enne
Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Controlli in città dopo l'omicidio De Gennaro: sette arresti, sequestrata droga Sei le persone arrestate per detenzione di cocaina, hashish e marijuana, un settimo per evasione dai domiciliari
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.