I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Scippi in città, vittime le donne: c'è la stessa mano dietro i colpi?

I Carabinieri cercano riscontri, identico il modus operandi. Al vaglio le telecamere di videosorveglianza

Tre scippi consumati (l'ultimo ieri, nda), tutti commessi con una decisa dose di scaltrezza. Numeri - quelli registrati a Molfetta nelle ultime due settimane - che non lanciano un vero e proprio allarme sociale, ma sui quali occorre intervenire perché destano preoccupazione fra la popolazione.

Identico il modus operandi: il bandito - che sinora è entrato in azione fra il rione Arbusto e le vie che ruotano attorno a piazza Paradiso - ha utilizzato sempre un'autovettura di piccola cilindrata rubata da pochissime ore, uno stratagemma che gli ha permesso di disporre di un lasso di tempo sufficiente a garantirsi di utilizzare il mezzo senza che la sua targa venisse registrata nella banca dati delle forze dell'ordine e identificata dalle telecamere cittadine.

Sempre lo stesso, dunque, il modo di agire: in tarda mattinata o nel pomeriggio, l'uomo, dopo aver scelto le prede, le ha avvicinate - solo donne sole, seppur di diversa età - e con una mossa fulminea è riuscito a rubare le loro borse. E le vittime che hanno provato ad opporre una minima resistenza, per tutta risposta, sono state strattonate. Il bandito è poi scappato, quasi come un fantasma, dissolto nel nulla, prima di abbandonare l'auto rubata poche ore prima.

I tre scippi consumati (e non si esclude che ce ne siano altri, non ancora denunciati, nda) sono stati segnalati ai Carabinieri della locale Stazione che hanno dato avvio ad una serrata attività d'indagine: gli investigatori molfettesi stanno confrontando gli elementi raccolti con quanto raccontato dalle vittime. Al vaglio anche i filmati registrati dalle telecamere. E proprio da queste immagini i militari sperano di avere delle tracce utili per poter identificare l'uomo.

Tutti gli indizi, al momento, portano verso un'unica direzione. Certezze non ce ne sono, ma tutto fa ipotizzare che dietro i tre raid si nasconda la stessa mano, forse quella di un tossicodipendente alla ricerca di soldi facili per pagare lo spacciatore ed ottenere la dose. Adesso i Carabinieri, coordinati dal luogotenente Giuseppe Malerba, indagano per risolvere il caso. Decisive potrebbero risultare le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

E così, nella speranza che le indagini portino piena luce sugli scippi, sono gli stessi Carabinieri a dispensare alcune precauzioni che possono essere d'aiuto:
  • Camminate sul marciapiedi opposto rispetto al senso di marcia dei veicoli, così da poter controllare chi eventualmente si avvicina in auto o in moto, e mantenetevi il più possibile lontano dal margine;
  • Se siete a piedi, all'incrocio, aspettando il verde del semaforo, sostate sul marciapiedi vicino al muro (se esiste) e non in prossimità del passaggio dei veicoli;
  • Tenete la borsa dal lato opposto a quello di scorrimento del traffico, ma lasciatela immediatamente nel caso in cui venga agganciata da uno scippatore
  • Nei limiti del possibile, evitate di transitare su strade isolate o, di sera, poco illuminate;
  • Le statistiche hanno evidenziato che le borse portate a tracolla costituiscono un facile bersaglio per gli scippatori;
  • Per limitare i danni, sarebbe meglio tenere documenti e denaro in tasche separate dei vestiti e non portare dietro molto denaro ed oggetti di valore. Se siete a piedi ed avete riscosso molto denaro in banca, al bancomat o all'ufficio postale, dividete il denaro in più tasche. Ricordate, comunque, che per i vostri acquisti è sempre preferibile utilizzare i servizi bancari (bancomat e carta di credito);
  • Se all'esterno della banca o dell'ufficio postale vedete delle persone che vi insospettiscono oppure temete che qualcuno vi stia aspettando, non uscite da soli ma attendete che qualcun altro abbia finito ed uscite insieme;
  • Se notate una persona in apparente difficoltà siate prudenti, in quanto potrebbe trattarsi di un espediente per rapinarvi. In generale, le circostanze di tempo e di luogo saranno comunque per voi un ottimo indicatore per capire cosa sta effettivamente accadendo;
  • Se siete in bici, evitate di riporre borsa o zaino nel cestino davanti a voi;
  • Se siete in un posto affollato, o sui mezzi pubblici, mantenete la borsa, lo zaino o la valigetta in modo da poterla proteggere da eventuali borseggiatori;
  • Tenete presente che, se vi muovete con un passeggino o con una carrozzina, avete una ridotta capacità di reazione e quindi potreste rappresentare una "preda" più facile per un eventuale scippatore o malintenzionato.
Se siete in auto...
  • Quando vi fermate ai semafori, evitate di tenere i finestrini completamente abbassati e bloccate le portiere;
  • Non tenete la borsa sul sedile o in un posto visibile e facilmente raggiungibile;
  • Quando parcheggiate, non lasciate all'interno dell'autovettura, oggetti, anche di scarso valore, visibili dall'esterno dell'abitacolo;
  • Quando siete in autostrada e avete bisogno di fermarvi per riposare, non sostate in aree troppo isolate perché potreste essere facilmente aggrediti da qualche malintenzionato.
Le indagini, sulle quali c'è il massimo riserbo, puntano nella direzione della piccola criminalità locale e sembrano escludere l'ipotesi che possa essersi trattato di un trasfertista. Pochi, inoltre, i dubbi degli investigatori su un dettaglio che non è di poco conto: ad agire, come avvenuto nella vicina Giovinazzo, dovrebbe essere stato, stando alle modalità (il furto dell'auto che precede lo scippo, nda), sempre lo stesso delinquente.

Insomma i reati predatori (scippi, borseggi e rapine sono tra gli episodi di criminalità diffusa che destano più allarme sociale, nda), letteralmente spariti anche in città durante il lockdown che ha tenuto a casa anche ladri e scippatori (e infatti gli arresti degli ultimi due mesi hanno riguardato soltanto reati di stalking e di droga, nda), sembrano essere tornati in primo piano con l'avvio della Fase 2 dell'emergenza epidemiologica da Covid-19.

Secondo quella che è la tendenza cittadina, tuttavia, il fenomeno degli scippi era già in netta diminuzione. I fermi sono aumentati e le denunce si sono ridotte. Per combatterlo, però, occorre la grande collaborazione della comunità e dei suoi cittadini.
  • Furti Molfetta
  • Scippi Molfetta
Altri contenuti a tema
Furti nei negozi, arrestato un 47enne. Era l'incubo dei commercianti Furti nei negozi, arrestato un 47enne. Era l'incubo dei commercianti Tre gli episodi contestati dai Carabinieri: l'uomo, già arrestato lo scorso 19 marzo, è stato individuato dopo una serrata indagine
Allarme in porto, altri due furti sulle imbarcazioni da pesca Allarme in porto, altri due furti sulle imbarcazioni da pesca Nel mirino dei ladri due motopescherecci: sparite numerose attrezzature. Indagano i Carabinieri
Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia I due, di 47 e 18 anni, sono stati fermati dopo una serie di furti nei negozi: riconosciuti grazie alla videosorveglianza
Operazione "Ghostbusters": 13 condanne, cadono le accuse più gravi Operazione "Ghostbusters": 13 condanne, cadono le accuse più gravi Sentenza del gup di Trani. Pene lievi per Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari: 1 anno e 6 mesi
Folle inseguimento, catturato 23enne dopo il furto di una Fiat Punto Folle inseguimento, catturato 23enne dopo il furto di una Fiat Punto Il giovane, di Terlizzi, è stato bloccato dai Carabinieri. Dovrà rispondere di furto aggravato e resistenza
3 Una scarica di botte al Queens. Aggrediti per un panettone Una scarica di botte al Queens. Aggrediti per un panettone Titolare e dipendenti picchiati selvaggiamente da due uomini: serrate indagini dei Carabinieri
Rubano olive, ma un agricoltore li vede e chiama il 112: arrestati Rubano olive, ma un agricoltore li vede e chiama il 112: arrestati Furto sventato, nel giorno dell'Immacolata, catturati tre ladri di 20, 24 e 48 anni. Recuperata la refurtiva: 5 quintali
Arrestato per scippi e rapine seriali, ora ritenuto autore di altri 10 colpi Arrestato per scippi e rapine seriali, ora ritenuto autore di altri 10 colpi Un 51enne di Barletta, fermato nei giorni scorsi dai Carabinieri, avrebbe colpito ancora a Molfetta
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.