I tre esemplari di granchio blu pescati a Molfetta
I tre esemplari di granchio blu pescati a Molfetta
Cronaca

Pescati a Molfetta i pericolosi granchi blu dell'Atlantico

I primi ritrovamenti risalgono ad oltre 10 anni fa. Si tratta di una specie invasiva

Tre esemplari di granchio blu sono stati pescati nei giorni scorsi a Molfetta, nelle acque antistanti la basilica della Madonna dei Martiri, da un pescatore hobbista. Si tratta di un crostaceo parecchio pericoloso per l'ecosistema marino dell'Adriatico poiché è invece originario della sponda occidentale dell'oceano Atlantico.

Nel basso Adriatico la presenza del granchio reale blu o granchio azzurro, scientificamente noto come Callinectes sapidus, molto più grande del nostro granchio comune e molto più colorato, era stata segnalata oltre 10 anni. Ma a quanto pare di questi esemplari, una delle specie aliene più invasive del Mediterraneo, se ne vedono spesso nelle reti da pesca delle imbarcazioni che battono acque molfettesi: il primo recupero a Molfetta avvenne circa 7 anni fa, ad opera di pescatori.

L'ultimo, invece, risale a 2 anni fa: «Gli ultimi tre esemplari, pescati in poco più di un'ora - spiega Pasquale Salvemini, referente regionale del WWF -, certificano la presenza di questa specie aliena per il nostro territorio addirittura a pochi metri dalla battigia cittadina: quest'animale, dunque, che rappresenta una minaccia per la biodiversità autoctona e per la pesca poiché è un predatore di molluschi, altri crostacei e pesci, continua la sua corsa verso la colonizzazione di nuovi mari».

L'attenzione è massima: si tratta di un crostaceo pericoloso per i bagnanti perché molto aggressivo. In ogni caso, riconoscerlo è molto semplice poiché presenta una colorazione tendente al blu e per via delle grandi dimensioni: questo granchio può infatti raggiungere una lunghezza di 10 centimetri e una larghezza di 20.
  • Granchio blu Molfetta
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.