P JPG
P JPG

Michele Santeramo ha presentato il libro sul “suo” don Tonino

Non è solo un racconto, ma anche una rappresentazione teatrale

"Ciò che è stato, ma ciò che può ancora essere", con questa frase emblematica Elvira Zaccagnini, direttrice delle edizioni "La Meridiana", ha presentato il libro e la piece teatrale di Michele Santeramo, "Oltretutto. Più vicino a don Tonino Bello", nel suggestivo scenario dell'auditorium "Achille Salvucci" del museo Diocesano, alla presenza del vescovo mons. Domenico Cornacchia.

Non un libro su don Tonino, ma un racconto tra il reale, surreale e la finzione, dove l'amato vescovo della Diocesi di Molfetta è quasi una "comparsa", ma una comparsa che sa conquistare i cuori e gli animi di quanti lo hanno conosciuto e continuano a conoscerlo.

Alla fine "sono vite che cambiano le vite", dice l'autore al termine del suo racconto. Non una biografia nuda e cruda, ma un turbinio di parole, quasi da confondersi, da portare in un vortice che richiede costante attenzione, ma che racchiudono momenti, giornate, atti precisi compiuti da don Tonino, come quel 7 dicembre 1992 dove 501 costruttori di pace, con a capo proprio don Tonino, passeggiarono per Sarajevo, prima giornata in cui la forza della pace vinse sulla guerra, prima giornata in cui in quella terra non ci furono morti.

E' un racconto che invita a "non aver paura", nemmeno della morte, è una riflessione dell'autore sulla vita, sulla morte, sui dubbi che ogni uomo ha, anche lo stesso don Tonino, uomo di pace, che si pone domande sulla guerra, sulla vita e sulla morte.

Realtà, finzione e tanti ricordi che ritornano alla mente, è un incastrarsi di emozioni, un puzzle di racconti di vita vera, ma che nasce però solo dalla fantasia dell'autore, che non manca di guardare con attenzione agli ultimi, quegli ultimi che sono sempre stati i primi nel cuore di don Tonino. Ed ecco che Santeramo immagina la partecipazione ad un torneo di una squadra fatta di ultimi, di gente che deve superare le proprie paure, che però incoraggiata "dall'uomo dagli occhi di mare che vede oltretutto", riesce a vincere il suo torneo, non solo quello di calcio, ma con la vita.

Michele incomincia il suo libro: "E poi ci sono gli uomini che fermano la guerra. Questo racconto comincia così, con "e poi". Perché quello che c'è prima lo conosciamo tutti. Don Tonino è tutto nel "poi", è tutto nell'oltre".

Quell'oltre che continua ad essere una guida spirituale per tanti. L'autore ha conosciuto don Tonino, ma solo ora ha sentito che era il momento di raccontare il suo don Tonino, sì perché ognuno ha il proprio don Tonino.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Don Tonino Bello
  • la meridiana
  • editrice la meridiana
  • Michele Santeramo
Altri contenuti a tema
29 anni senza don Tonino Bello. Oggi messa in Cattedrale a Molfetta 29 anni senza don Tonino Bello. Oggi messa in Cattedrale a Molfetta Ad officiare la celebrazione sarà Mons. Domenico Battaglia, arcivescovo di Napoli
Inizia oggi la rassegna di eventi a Molfetta per il 29° anniversario del dies natalis di don Tonino Bello Inizia oggi la rassegna di eventi a Molfetta per il 29° anniversario del dies natalis di don Tonino Bello Gli eventi si terranno presso la cattedrale nel rispetto delle norme anti-Covid
29 anni senza don Tonino Bello: la Chiesa locale celebra il suo figlio venerabile 29 anni senza don Tonino Bello: la Chiesa locale celebra il suo figlio venerabile Eventi nella Cattedrale di Molfetta la prossima settimana
Via Crucis nel parco 2022 organizzata dalla Comunità "don Tonino Bello" Via Crucis nel parco 2022 organizzata dalla Comunità "don Tonino Bello" L'evento domani alle ore 16 a Ruvo di Puglia
Il Rotary di Molfetta e la Fondazione don Tonino Bello venerdì ricordano il Vescovo Venerabile Il Rotary di Molfetta e la Fondazione don Tonino Bello venerdì ricordano il Vescovo Venerabile il ricordo affidato a Giancarlo Piccinni, Presidente della Fondazione
Molfetta si ritrova nella marcia per la Pace in nome di don Tonino Molfetta si ritrova nella marcia per la Pace in nome di don Tonino ex Jugoslavia ieri, Ucraina oggi. “L’educazione alla pace” la strada per il futuro
Il 18 marzo a Molfetta la marcia per la pace organizzata dalla Rete dei Diritti Negati e dalle Parrocchie della città Il 18 marzo a Molfetta la marcia per la pace organizzata dalla Rete dei Diritti Negati e dalle Parrocchie della città Partenza alle ore 19. La data scelta in occasione dell'anniversario di nascita di don Tonino Bello
Don Tonino Bello venerabile, il messaggio dei frati della Basilica della Madonna dei Martiri Don Tonino Bello venerabile, il messaggio dei frati della Basilica della Madonna dei Martiri Un lungo messaggio a cura di fra' Marco Valletta
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.