La conferenza stampa dell'operazione
La conferenza stampa dell'operazione "Drago nero"
Cronaca

Maxi frode sui carburanti. Sei arresti, c'è un molfettese

L’operazione "Drago nero" ha portato ai domiciliari Felice D'Agostino. Sequestrati beni per 22 milioni di euro

Una frode fiscale da 120 milioni di euro. Una vita da favola senza dichiarare alcun reddito, tra case lussuose, viaggi da sogno ed auto costose. È quanto ha portato alla luce la Guardia di Finanza, che all'alba di questa mattina ha attuato l'operazione "Drago Nero".

Gli uomini del Nucleo di Polizia Economico e Finanziaria di Macerata ed Ancona, hanno fatto scattare il blitz, unitamente ad altri 60 colleghi dislocati in 4 Regioni. 6 persone, tra cui il molfettese Felice D'Agostino, procacciatore di persone cui intestare le società cartiere, sono finite in manette ed ora si trovano agli arresti domiciliari.

A capo dell'associazione a delinquere Marco Colotti, imprenditore di 50 anni che riceveva e smerciava il carburante attraverso gestione diretta di un deposito che gestiva un grande movimento di autobotti. Gli altri sono Mijailova Gergana, di cittadinanza bulgara ma domiciliata a Montecosaro, Giada Montefiori e Gabriele Morricone, di Roma, e il napoletano Alberto Coppola. Tutti sono attivi nel commercio dei carburanti.

Oltre a loro altri 25 soggetti sono finiti nel registro degli indagati. Al vertice dell'organizzazione, l'imprenditore di San Severino Marche, il quale, secondo gli inquirenti, avrebbe elaborato un intricato e molto ramificato sistema, col quale frodare ripetutamente il fisco.

Il carburante proveniente dall'estero, veniva trasportato direttamente dalle autobotti in diversi depositi di stoccaggio. Questi si trovavano a San Severino Marche, Cava de' Tirreni, Capriva del Friuli, Fiumicino, Mirano e Monselice. Qui il carburante veniva spartito in fretta ai vari distributori stradali. Tuttavia il "viaggio cartolare", appariva molto più tortuoso, al fine di ottenere illeciti vantaggi fiscali.

Il carburante veniva formalmente venduto a società cartiere. Sebbene avessero base in Bulgaria e Repubblica Ceca, di fatto erano gestite da membri dell'organizzazione. Il carburante poi veniva fatturato ad altre società, tutte collegate. 7 erano italiane, una svizzera. In questo modo le società irregolari, riuscivano ad omettere gli obblighi dichiarativi ed il versamento delle imposte dovute.

L'organizzazione avrebbe fatto circolare in tal maniera, circa 133 milioni di litri di carburante, proveniente dalla Slovenia. Le Fiamme Gialle hanno compiuto un sequestro preventivo di beni, al fine della confisca, pari a 22 milioni di euro.

Oltre ai conti correnti di alcuni membri del sodalizio criminale, i finanzierei hanno messo i sigilli a 9 distributori stradali sparsi tra le provincie di Ancona, Teramo e Pesaro, 7 società, le quote di partecipazione al capitale sociale di 23 società ed una ditta individuale, 21 immobili e 16 terreni sparsi in 5 province, 4 autoveicoli, 9 mezzi commerciali, 3 moto ed una barca.

Proprio i beni di lusso ostentati da alcuni componenti, hanno messo in allarme gli inquirenti. In particolare lo stile di vita di due coniugi romani, che pur non dichiarando nulla al fisco, vivevano in una lussuosa abitazione nel centro della capitale, si concedevano vacanze da sogno e viaggiavano a bordo di auto esclusive come Porche, Mercedes e Ferrari.

Le indagini sono partite nel 2015. Da allora i finanzieri hanno eseguito decine di controlli, verifiche e perquisizioni, che si erano conclusi con diversi sequestri documentali.
  • Guardia di Finanza
  • Frodi Molfetta
  • Felice D'Agostino
Altri contenuti a tema
Maxi frode con il carburante: arrestato un 41enne di Molfetta Maxi frode con il carburante: arrestato un 41enne di Molfetta L'uomo è finito nei guai con altre 8 persone: al centro dell'inchiesta le società cartiere per frodare il fisco
Caro carburante, distributori sotto la lente della Guardia di Finanza Caro carburante, distributori sotto la lente della Guardia di Finanza I controlli dei militari, anche a Molfetta, per evitare eventuali fenomeni speculativi sui prezzi dei carburanti
Hotel in Costa Smeralda coi soldi riciclati. Quattro indagati, due di Molfetta Hotel in Costa Smeralda coi soldi riciclati. Quattro indagati, due di Molfetta Denaro sporco dalla Puglia alla Sardegna, sequestrato l'hotel Tre Monti di Arzachena del valore di 1,7 milioni di euro
Sequestrati 360mila prodotti pericolosi: «Simili ad alimenti, ma non commestibili» Sequestrati 360mila prodotti pericolosi: «Simili ad alimenti, ma non commestibili» Sono chiamati "similalimenti", in questo caso erano piccole pietre ovali molto simili a caramelle
Controlli nel barese su scontrini e ricevute, irregolare un'attività su tre Controlli nel barese su scontrini e ricevute, irregolare un'attività su tre 400 controlli da parte delle Fiamme Gialle: verifiche anche sulla circolazione delle merci e sui prezzi dei carburanti
Festa col botto per un detenuto di Molfetta. Fermati i parenti Festa col botto per un detenuto di Molfetta. Fermati i parenti I Carabinieri hanno guastato la festa organizzata. Sequestrate 14 scatole di fuochi pirotecnici
Evasione fiscale: firmato un protocollo tra Procura, Finanza e Agenzia delle Entrate Evasione fiscale: firmato un protocollo tra Procura, Finanza e Agenzia delle Entrate L'obiettivo è quello di potenziare l'azione di repressione dell'evasione fiscale
Petrol Mafie Spa, nuovi arresti: ai domiciliari un 39enne di Molfetta Petrol Mafie Spa, nuovi arresti: ai domiciliari un 39enne di Molfetta L'indagine della Direzione Distrettuale Antimafia rappresenta la prosecuzione delle inchieste Rinascita-Scott e Petrolmafie Spa
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.