Tarzan
Tarzan
Chiesa locale

La Diocesi ricorda Tonino "Tarzèn" con le parole di don Tonino Bello

Il Vescovo ne aveva parlato in un discorso alla comunità verso la Pasqua

Apprendiamo dalla stampa locale che domenica 2 maggio è deceduto il molfettese Nicola Antonio Sciancalepore, simpaticamente denominato Tonino Tarzèn (Tarzan), all'età di 80 anni.

Persona buona, sincera, orgogliosa di sé, delle sue imprese e della sua città. Era presagio di buona giornata quando lo si incrociava mentre correva, per tenere allenato corpo e spirito, con la sua immancabile fascia in testa. La sua vita ispirò don Tonino Bello in una delle sue lettere quaresimali, Antonio il pescatore pubblicata su Luce e Vita il 15 marzo 1987 e raccolta con le altre lettere della catechesi quaresimale di quell'anno nel volume Alla finestra la speranza. Lettere di un vescovo. La lettera fu anche parte della relazione Maria madre e modello della Chiesa e della famiglia Chiesa domestica svolta il 17 settembre 1988 presso l'Istituto Salesiano di Santeramo in Colle e pubblicata negli Atti del convegno stesso, nonché disponibile nel secondo volume dell'opera omnia Scritti quaresimali (p.327)
Ricordiamo e salutiamo Antonio con le parole del suo amico Vescovo, che sempre andava a trovare in episcopio:

ANTONIO, IL PESCATORE. VERSO LA PASQUA, CASA DELLA TRINITÀ
"Carissimi fratelli,
spero che in queste considerazioni sulla Santissima Trinità non mi abbandoniate, per strada. È un pericolo che temo. Anche perché qualcuno forse pensa che il discorso su questo mistero possa riguardare solo gli addetti ai lavori.
E, invece, non c'è nessuna verità come questa, così vicina a ogni «piccolo uomo di periferia».
Vicina ad Antonio di Molfetta vecchia, per esempio. Vive solo in un sottano, e fa il subacqueo per campare. Una volta mi ha detto che al mondo non ha nessuno che si interessi di lui. Però, quando si tuffa in quel tratto di mare che ormai conosce come le sue tasche, i pesci gli vanno incontro come a un vecchio amico e lo salutano con le pinne.
Stamattina mi ha portato dei piccoli cefali, ancora vivi.
Sono stato tentato di citargli una bella frase di Tertulliano che dice così: «Noi pesciolini nasciamo nell'acqua in virtù del pesce grande, il nostro Signore Gesù Cristo…». Ma poi ho pensato che forse con quella frase, pur così importante, Antonio non avrebbe risolto i suoi problemi di solitudine, e che, dovendogli spiegare che Tertulliano era uno scrittore cristiano del III secolo, gli avrei imbrogliato le idee.
Ho preso allora un disegno con una stilizzazione di Gesù, al cui interno sono rappresentati tanti uomini, e gli ho detto così: «Vedi, Antonio, fratello solitario, queste persone raffigurate all'interno del disegno stanno a significare che tutti gli uomini della terra sono destinati a formare l'Uomo nuovo: Cristo Gesù! Come in cielo il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, che pure sono tre persone distinte, formano un solo Dio, così noi sulla terra, pur rimanendo tante persone diverse l'una dall'altra, siamo chiamati a costruire un solo Uomo. E poi, una volta «incorporati» in Cristo (mi sono guardato bene dal dirgli «immersi nel mistero pasquale», perché se no Antonio non avrebbe capito), entriamo con Lui nella Santissima Trinità. Capisci fratello? Diventiamo, come dice S. Paolo, figli nel Figlio. La Trinità, perciò è la nostra casa.
Mentre parlavo, i cefali guizzavano ancora nell'erba di mare che Antonio reggeva in una busta di plastica. Mi sembrava che a guizzare fosse anche il cuore di Antonio, il quale forse aveva capito, meglio di tanti teologi, che cosa significano le parole della lettera agli Efesini: «Dio ci ha fatti sedere nei cieli in Cristo Gesù… perciò non siete né stranieri né ospiti, ma familiari di Dio».
Mi ha stretto la mano e se n'è andato veloce.
Io non so se, tornato a Molfetta vecchia, abbia sorriso per la prima volta alle donne di via Tréscine, o abbia accarezzato i bambini di via S. Orsola, o si sia messo a chiacchierare col fruttivendolo di via Amente.
Sono certo, però, che domani, quando i pesci gli andranno incontro nel tratto di mare che conosce come le sue tasche, e lo saluteranno con le pinne, Antonio dirà loro che non si sente più solo, e che il suo destino è quello di naufragare, già da ora, in un oceano di solidarietà con la gente.
Sono entrato in cappella per recitare un «gloria» alla SS. Trinità.
Il Vangelo era aperto al primo capitolo di S. Giovanni: «A quanti lo hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio!».
Ho chiuso il libro e ho nascosto il capo tra le mani, ancora profumate di scoglio e di alghe".
Un caro saluto. Vostro
+ don Tonino, Vescovo
  • Diocesi di Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi
Altri contenuti a tema
Premio letterario "don Tonino Bello": il 14 maggio i vincitori Premio letterario "don Tonino Bello": il 14 maggio i vincitori 114 partecipanti: c'è anche un poeta di 87 anni
Festival della Comunicazione 2021: alle ore 19 di oggi la conferenza di presentazione Festival della Comunicazione 2021: alle ore 19 di oggi la conferenza di presentazione A partecipare il Vescovo di Molfetta Monsignor Cornacchia, il Vescovo di Rieti Pompili e suor Cristina Beffa
1 Vaccino anti-Covid anche per il Vescovo della Diocesi di Molfetta Vaccino anti-Covid anche per il Vescovo della Diocesi di Molfetta Somministrazione anche a don Cesare Pisani e per i sacerdoti residenti in Seminario. Gli altri in ordine di età
Niente processioni, distanziamento in Chiesa: la Settimana Santa 2021 a Molfetta Niente processioni, distanziamento in Chiesa: la Settimana Santa 2021 a Molfetta La Conferenza Episcopale Pugliese: «Senso di responsabilità e prevenzione»
La Chiesa celebra San Giuseppe. Celebrazioni ad hoc anche nella Diocesi di Molfetta La Chiesa celebra San Giuseppe. Celebrazioni ad hoc anche nella Diocesi di Molfetta Da oggi in distribuzione un apposito opuscolo per la novena
Mercoledì delle Ceneri: come cambia la Messa a causa del Covid Mercoledì delle Ceneri: come cambia la Messa a causa del Covid La Congregazione per il Culto Divino ha pubblicato una nota che precisa le modalità
La Visita Pastorale del Vescovo nella Basilica della Madonna dei Martiri La Visita Pastorale del Vescovo nella Basilica della Madonna dei Martiri Accoglienza il 15 febbraio. Santa messa domenica 21 febbraio
Riprende la Visita Pastorale del Vescovo nella Diocesi di Molfetta Riprende la Visita Pastorale del Vescovo nella Diocesi di Molfetta La comunicazione della stessa Diocesi: si inizia nella parrocchia Immacolata di Molfetta l'8 febbraio
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.