I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Furti nei negozi, arrestato un 47enne. Era l'incubo dei commercianti

Tre gli episodi contestati dai Carabinieri: l'uomo, già arrestato lo scorso 19 marzo, è stato individuato dopo una serrata indagine

Tre episodi contestati, un colpo dietro l'altro, e quasi tutti riusciti. I suoi obiettivi erano molto comuni, soprattutto esercizi commerciali e, di conseguenza, i bottini non memorabili. Da qualche centinaio di euro. Di sicuro un 47enne del posto, negli ultimi mesi, era diventato l'incubo degli esercenti della città di Molfetta.

L'uomo, noto alle forze dell'ordine, ha agito di notte, in pieno coprifuoco per la pandemia, fra agosto e ottobre dello scorso anno: due i furti consumati, uno quello tentato. I colpi hanno creato enorme allarme sociale nella rete commerciale cittadina. I Carabinieri della locale Compagnia, diretti dal capitano Francesco Iodice, hanno iniziato, allora, a dargli la caccia: hanno raccolto vari indizi, incrociato alcuni dati e analizzato con scrupolo numerose telecamere di videosorveglianza.

E ora, dopo una serrata indagine della Sezione Operativa, il reparto del sottotenente Domenico Mastromauro, è arrivato il momento di pagare il conto per quelle incursioni. Tre, come detto, quelle attribuite alla sua mano. L'uomo è stato attinto da una prima ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani e messo ai domiciliari e da una seconda che ha disposto l'aggravamento della misura, dai domiciliari al penitenziario di Trani.

Il primo stop alla sua "attività", come forse più di qualcuno ricorderà, risale al 19 marzo scorso, quando il 47enne, insieme a suo figlio, di 18 anni, è stato arrestato dalla Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Trani. I due, spostandosi in trasferta da Molfetta a Trani, hanno messo a segno alcuni furti nei negozi agendo in orario di apertura o chiusura: il padre s'introduceva nelle attività per rubare la merce, mentre il figlio - che per questi episodi è tornato in libertà - faceva da palo.

«Nel corso dell'interrogatorio dinanzi al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani - ha detto il suo avvocato Maurizio Altomare, sul caso di Molfetta - il protagonista di questa vicenda ha ammesso le proprie responsabilità, evidenziando come si sia trattato di un grave errore commesso dopo che gli era stato sospeso il Reddito di Cittadinanza e, in assenza di un lavoro, s'è trovato nelle condizioni di non avere alcun mezzo di sussistenza per sé e il suo figlio disabile».

«Si tratta - ha concluso il penalista Altomare - di condotte esecrabili, ma che ci danno l'idea della presenza, anche nella nostra città, di grosse sacche di disagio e povertà sulle quali occorrerebbe intervenire». Sacche di povertà sempre più ampie, dunque, e nuove fasce della popolazione scivolate verso il disagio sociale.
  • Furti Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
2 Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Dopo il colpo alla Caritas un 49enne si è gettato in acqua. Arrestato, è stato subito rimesso in libertà
Allarme in porto, altri due furti sulle imbarcazioni da pesca Allarme in porto, altri due furti sulle imbarcazioni da pesca Nel mirino dei ladri due motopescherecci: sparite numerose attrezzature. Indagano i Carabinieri
Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia I due, di 47 e 18 anni, sono stati fermati dopo una serie di furti nei negozi: riconosciuti grazie alla videosorveglianza
Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Nei guai un 23enne di Molfetta. Controllo mirato dei Carabinieri e la scoperta su un mobile della cucina
Anche Giotti lascia il carcere: concessi gli arresti domiciliari Anche Giotti lascia il carcere: concessi gli arresti domiciliari La decisione è del gip Galesi dopo l'istanza dei legali Masellis e Mongelli. L'uomo ha lasciato il penitenziario di Lecce
Operazione "Ghostbusters": 13 condanne, cadono le accuse più gravi Operazione "Ghostbusters": 13 condanne, cadono le accuse più gravi Sentenza del gup di Trani. Pene lievi per Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari: 1 anno e 6 mesi
Armato di coltello, rapina un supermercato: individuato in 24 ore Armato di coltello, rapina un supermercato: individuato in 24 ore Fermato un 32enne: i Carabinieri sono piombati a casa dove hanno trovato gli indumenti indossati durante il colpo
Spaccio di droga. Risalgono a lui tramite gli acquirenti: preso un 28enne Spaccio di droga. Risalgono a lui tramite gli acquirenti: preso un 28enne I Carabinieri hanno fermato alcuni cittadini e proprio grazie a loro sono riusciti ad individuare il fornitore
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.