Claudio Nappi
Claudio Nappi
Cronaca

Claudio Nappi da Molfetta all'Emilia Romagna per dare il proprio contributo

Lui e sua moglie Federica sono impegnati in prima linea a Sant'Agata Bolognese

La drammatica alluvione ha colpito la regione dell'Emilia Romagna nei giorni scorsi, causando un'ampia devastazione e mettendo a dura prova le comunità locali, è un'emergenza ancora non risolta vista la situazione di maltempo che persiste su tutta l'area. Le piogge torrenziali hanno innescato un repentino innalzamento dei livelli dei fiumi, travolgendo interi paesi e città.

I danni materiali sono stati ingenti, con abitazioni, infrastrutture e terreni agricoli gravemente colpiti. Le acque in piena hanno travolto tutto ciò che incontravano lungo il loro cammino.
Le autorità locali e nazionali hanno dichiarato lo stato di emergenza nella regione e stanno coordinando gli sforzi di soccorso e di assistenza alle persone colpite. Le squadre di soccorso e i volontari si sono mobilitati immediatamente per cercare di salvare vite umane e fornire assistenza alle persone colpite.

Tra di loro, possiamo ammirare anche un nostro concittadino, Claudio Nappi, che assieme a sua moglie, ha aiutato la gente a ripulire le zone colpite. «La maggior parte degli aiuti e dei volontari sono arrivati tutti dall'hinterland di Cesena, grazie a gruppi telegram creati per veicolare le varie informazioni; tutte le altre frazioni vicine, son state raggiunte dai volontari mediante i canonici passa parola, inviati da "amici di amici».

«Io e mia moglie Federica si siamo recati a Sant'Agata Bolognese, dove intere porzioni delle città erano sommerse dal fango. La reattività dei volontari e della gente comune ha anticipato e integrato aiuti comunali e regionali, spesso insufficienti per coprire tutte le zone coinvolte. Anche la tecnologia è stata molto utile: applicazioni di messaggistica, assieme ai social network, hanno aiutato a segnalare le zone con maggior bisogno di aiuto e le app di navigazione come waze e google maps, hanno permesso il raggiungimento delle zone senza intoppi, poiché aggiornate in tempo reale, in base alla chiusura delle varie vie».

«La parte più devastante è stata vedere la gente fissare cumuli di ricordi sommersi e distrutti dal fango; vedere l'acqua spazzare via tutto ciò che fino a quel momento quelle persone avevano costruito ma, nonostante questo, si sono rimboccati le maniche, chi con degli attrezzi, o chi con dei banchetti per il "ristoro", con la sola voglia di ricominciare».
  • Cronaca
Altri contenuti a tema
Rifiuti lasciati in via Marconi, Giuseppe Petruzzella: «Accade ogni giorno» Rifiuti lasciati in via Marconi, Giuseppe Petruzzella: «Accade ogni giorno» La polemica social del ristoratore
Scontro tra 4 auto sulla SS16 bis all'altezza della zona industriale di Molfetta Scontro tra 4 auto sulla SS16 bis all'altezza della zona industriale di Molfetta Il sinistro in direzione Bari. Sul posto la Polizia locale
Salva donna dall'auto in fiamme, il racconto di Lorenzo Gadaleta: «Ho agito d'istinto» Salva donna dall'auto in fiamme, il racconto di Lorenzo Gadaleta: «Ho agito d'istinto» Le sue parole: «Adesso è fuori pericolo e sono felice di aver fornito il mio contributo»
Grave incidente sull'A14: camionista di Molfetta salva donna intrappolata nell'auto Grave incidente sull'A14: camionista di Molfetta salva donna intrappolata nell'auto Il sinistro è avvenuto vicino al casello di Francavilla-Pescara Sud
1 Vandalismo all'anfiteatro di Ponente: svuota un estintore e lo lancia sul palco Vandalismo all'anfiteatro di Ponente: svuota un estintore e lo lancia sul palco Allertate le forze dell'ordine. L'assessore Rossiello: «Pura inciviltà»
Incidente sulla SS16 in direzione Bari: traffico da Molfetta Sud Incidente sulla SS16 in direzione Bari: traffico da Molfetta Sud Due auto coinvolte nel sinistro. Non ci sarebbero feriti
«Questa volta ci siete riusciti». Ladri nella chiesa del cimitero di Molfetta «Questa volta ci siete riusciti». Ladri nella chiesa del cimitero di Molfetta Già il 15 aprile un primo tentativo che non era andato a buon fine. Stavolta rubati i pochi spiccioli contenuti in un offertorio
Incidente al sottopasso di via Terlizzi: ferito un motociclista Incidente al sottopasso di via Terlizzi: ferito un motociclista Sul posto Polizia locale e ambulanza
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.