Ufficio
Ufficio
Speciale

Anticorruzione: obblighi per le PMI locali a rischio di pesanti sanzioni

Un approfondimento grazie agli esperti del Gruppo Media One

Ormai è alle porte la scadenza del 17 dicembre, entro la quale le piccole e medie imprese locali devono adottare il modello anticorruzione, pena il rischio di incorrere in pesanti sanzioni. Infatti, il Decreto Legislativo n. 24 del 10 marzo 2023 ha recepito la Direttiva comunitaria in tema di "protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell'Unione".

Di cosa si tratta? Lo abbiamo chiesto al Dott. Savino Lapalombella, Presidente del Gruppo "Media One" di Barletta. "In buona sostanza, l'Unione Europea ci impone di disciplinare le attività di prevenzione e contrasto di tutti i fenomeni che portano alla corruzione sia nell'esercizio di funzioni pubbliche che nelle attività private, quindi le aziende", sostiene Lapalombella. "Pertanto, oltre a combattere aspramente ogni forma di corruzione, a tutti i livelli, soprattutto nelle aziende bisogna proteggere le persone che denunciano violazioni dei diritti dell'Unione, attraverso la creazione di canali di comunicazione sicuri, tanto all'interno dell'organizzazione di ogni singola azienda, quanto nei confronti dell'esterno". A chi spetta farlo? "In questa fase storica, con una scadenza ormai bruciante, è fondamentale che tutte le aziende che hanno più di 49 dipendenti si dotino di questo protocollo", dice Stefano Cioce, Managing Director di "Media One Legal", azienda leader in Italia nella consulenza legale societaria e nella formazione manageriale. "Il profilo della responsabilità amministrativa dell'azienda e della complicanza penale per gli amministratori sta determinando un nuovo approccio negli imprenditori, più consapevole e maturo", continua Cioce. "Infatti, ci stanno pervenendo centinaia di richieste da parte delle PMI barlettane, pugliesi e nazionali, di adozione del modello di whistleblowing. E tutto questo per un duplice motivo: prevenire ogni fattispecie di fenomeno corruttivo ed evitare pesanti sanzioni amministrative e penali. Basti pensare a sanzioni fino a 50.000 euro".

Cosa fare quindi? "Affidarsi a dei riconosciuti esperti della materia, evitando il fai-da-te o il ricorso a figure generaliste", conferma Savino Lapalombella. "Il Gruppo Media One è capofila di un team di esperti qualificati, pronti a mettere in regola le PMI italiane". Insomma, un'occasione propizia per innovare le organizzazioni aziendali e, soprattutto, proteggerle da costose multe.

Per saperne di più: info@mediaonelegal.it
  • Aziende
Altri contenuti a tema
Competenza e semplicità, le peculiarità dello Studio Antonio Arbore Srl Competenza e semplicità, le peculiarità dello Studio Antonio Arbore Srl Con un’esperienza di 26 anni, Antonio Arbore e il suo staff sono al fianco dei clienti ogni giorno
Formazione: la nuova frontiera della competitività delle aziende Formazione: la nuova frontiera della competitività delle aziende Lapalombella, presidente di Media One: "Saranno sempre le persone a determinare le sorti, i successi e gli insuccessi delle imprese"
Maiora s.r.l. certificata Top Employer nelle strategie HR Maiora s.r.l. certificata Top Employer nelle strategie HR Oltre a essere azienda Equal Salary, Maiora è insignita della Certificazione Top Employer
Decò Maxistore apre a Casamassima Decò Maxistore apre a Casamassima Mutlicedi inaugura un nuovo punto vendita a Casamassima, in via Bari 119: affidabilità, cortesia, vicinanza, competenza e convenienza
Zes Unica, da Hey Sud l'appello: «Non si disperdano competenze ed esperienze costruite sino a oggi» Zes Unica, da Hey Sud l'appello: «Non si disperdano competenze ed esperienze costruite sino a oggi» Nell'appuntamento ospiti Stefanazzi, Mastromauro, Notarangelo, Di Giovine, Rutigliano
Gruppo Media One: fondato ottimismo per il nuovo anno Gruppo Media One: fondato ottimismo per il nuovo anno Propositi e obiettivi per il 2024 dopo un'analisi dell'anno trascorso
Hey Sud, un Capodanno "paz-zes-co" Hey Sud, un Capodanno "paz-zes-co" Il prossimo incontro si terrà il 18 dicembre a Barletta
Imprese storiche di Puglia: riconoscimento per 24 attività del territorio Imprese storiche di Puglia: riconoscimento per 24 attività del territorio Per Molfetta premiati Altomare Antonio, Gadaleta Pasquale e De Ruvo Giuseppe
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.