Papa Francesco. <span>Foto Vincenzo Bisceglie</span>
Papa Francesco. Foto Vincenzo Bisceglie

Rappresentanti del Museo Diocesano di Molfetta in udienza da Papa Francesco

Presenti a Roma 400 membri dell'Associazione Musei Ecclesiastici Italiani

Durante la mattina del 24 maggio, nella Sala Clementina, Papa Francesco ha ricevuto 400 membri dell'Associazione Musei Ecclesiastici Italiani e ha consegnato loro parole molto cordiali di apprezzamento per il lavoro svolto con passione, professionalità e amore per la Chiesa, nei musei delle diocesi o degli istituti religiosi in Italia. All'udienza privata era presente anche una delegazione del Museo Diocesano di Molfetta.

Papa Francesco riceve gli operatori e le operatrici che prestano servizio, anche volontario, nei musei ecclesiastici in Italia, ma successivamente lo attende un'altra udienza in Aula Paolo VI con 5000 persone e, preferendo salutare ad uno ad uno i 400 presenti, rinuncia a leggere il discorso preparato consegnandolo alla presidente dell'Associazione che ringrazia per le parole che gli ha rivolto. Prima dei saluti c'è però il tempo per una foto tutti insieme. Il Papa parla dei musei ecclesiastici in Italia come di realtà museali, grandi e piccole, in continua crescita e accomunate "da una medesima missione: documentare visibilmente il percorso fatto lungo i secoli dalla Chiesa nel culto, nella catechesi, nella cultura e nella carità". Ricorda che, come il patrimonio naturale, anche quello storico, artistico e culturale, "parte dell'identità comune di un luogo e base per costruire una città abitabile", è minacciato. E' necessario invece "integrare la storia, la cultura, l'architettura di un determinato luogo", e rendere tutto questo accessibile a tutti. Per questo il museo deve porsi in relazione con il territorio. «Si tratta - scrive - di aiutare le persone a vivere insieme, a vivere bene insieme (...). In questa prospettiva è normale collaborare con musei di altre comunità religiose. Le opere d'arte e la memoria di diverse tradizioni e stili di vita parlano di quella umanità che ci rende fratelli e sorelle».

Papa Francesco parla del contributo che i musei possono dare per migliorare la qualità della vita delle persone, creando spazi di relazione e "occasioni per creare comunità". Nei grandi centri come nelle piccole città il museo "sostiene la consapevolezza di una identità che 'fa sentire a casa'. Sempre e per tutti aiuta ad alzare lo sguardo sul bello". Francesco riconosce la passione che spinge gli operatori per l'arte e la cultura, la passione per la gente del proprio territorio, ma anche "per la Chiesa e la sua missione" e descrive la loro importanza: «I musei in cui operate rappresentano il volto della Chiesa, la sua fecondità artistica e artigianale, la sua vocazione a comunicare un messaggio che è Buona Notizia. Un messaggio non per pochi eletti, ma per tutti. Tutti hanno diritto alla cultura bella! Specie i più poveri e gli ultimi, che ne debbono godere come dono di Dio." Il Papa apprezza poi l'impegno degli operatori dei musei ecclesiastici per la continua formazione attraverso giornate e corsi specifici, ma anche lo sforzo di comunicazione delle iniziative dei musei attraverso i media, e il lavoro svolto in sinergia con gli archivi e le biblioteche. Sottolinea poi l'aspetto importante del dialogo con gli artisti contemporanei dicendo che: "È un lavoro di sapienza e di apertura, non sempre apprezzato; è un lavoro "di frontiera", indispensabile per continuare il dialogo che la Chiesa sempre ha avuto con gli artisti. L'arte contemporanea recepisce i linguaggi a cui specialmente i giovani sono abituati». Una sensibilità questa che non può mancare, raccomanda, e l'arte contemporanea sacra "può essere luogo importante di confronto e di dialogo con la cultura di oggi".

Infine Francesco ai membri dell'Associazione Musei Ecclesiastici Italiani dice che la recente Esortazione sul tema della santità "Gaudete et exsultate" li riguarda in modo particolare: «Perché i musei ecclesiastici sono anche risonanza della santità del Popolo di Dio. È affascinante questa prospettiva! Ma prima di tutto ricorda a tutti noi che siamo chiamati a diventare santi, dentro il santo Popolo fedele di Dio. La santità è la più vera bellezza della Chiesa. Una bellezza che dà senso e pieno valore anche al vostro servizio alla Chiesa e nella Chiesa, che vi apprezza e vi ringrazia».
  • papa francesco
Altri contenuti a tema
1 Prossima la beatificazione di don Tonino Bello? Il Vescovo di Molfetta da Papa Francesco Prossima la beatificazione di don Tonino Bello? Il Vescovo di Molfetta da Papa Francesco Monsignor Cornacchia ricevuto in udienza privata mercoledì scorso
SPECIALE: Papa Francesco a Molfetta. Le immagini e i video del 20 aprile 2018 SPECIALE: Papa Francesco a Molfetta. Le immagini e i video del 20 aprile 2018 Tutta la produzione della redazione di MolfettaViva di quei giorni
Due anni fa Papa Francesco a Molfetta: il ricordo del sindaco Due anni fa Papa Francesco a Molfetta: il ricordo del sindaco Minervini aveva già incontrato Bergoglio nel 2001 in Argentina
Il Papa a Bari incontra i Vescovi del Mediterraneo. LA DIRETTA Il Papa a Bari incontra i Vescovi del Mediterraneo. LA DIRETTA L'arrivo del Pontefice in streaming su BariViva
Aspettando il Papa, l'intervista a S.E. Mons. Luigi Renna Aspettando il Papa, l'intervista a S.E. Mons. Luigi Renna Il vescovo di Cerignola - Ascoli Satriano ai microfoni di VivaNetwork
1 Aspettando il Papa, Mons. Ricchiuti riflette sul convegno dei vescovi del Mediterraneo Aspettando il Papa, Mons. Ricchiuti riflette sul convegno dei vescovi del Mediterraneo L'intervista al presidente nazionale di Pax Christi e Vescovo della diocesi di Altamura - Gravina - Acquaviva
Aspettando il Papa, l'intervista esclusiva con Mons. Francesco Cacucci Aspettando il Papa, l'intervista esclusiva con Mons. Francesco Cacucci L'Arcivescovo Metropolita di Bari - Bitonto ai microfoni di VivaNetwork
La Diocesi di Molfetta in convegno sulla seconda Enciclica di Papa Francesco La Diocesi di Molfetta in convegno sulla seconda Enciclica di Papa Francesco Il convegno martedì 29 ottobre alle 19.30 nell’Aula magna del Seminario Vescovile di Molfetta
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.