Rifiuti abbandonati
Rifiuti abbandonati

Molfetta e l'abbandono dei rifiuti, la lettera di un cittadino: «Sono senza speranza»

«Grazie ai volontari: bravi. Resistete, resistiamo»

Pubblichiamo la lettera arrivata in redazione a firma di un cittadino.

"Si sa, fare polemica non serve a niente. Ma almeno un po' idi ironia lasciatecela.
Splendide giornate di sole quasi estive, viene voglia di pedalare, magari fuori città, liberiamo i polmoni dallo smog che ci soffoca. Prendiamo la nostra bici, magari ci portiamo anche i bambini, una bella giornata di sole a pedalare in campagna, che c'è di più bello?
Ecco, magari no, non lo fate. Lo spettacolo è agghiacciante. Lungo tutta la complanare che costeggia la 16 bis tra Molfetta e Giovinazzo non c'è requie dai rifiuti. Lanciati dalle auto, evidentemente, lasciati sulle piazzole di sosta, scaraventati dalle piazzole di sosta lungo la complanare oppure accumulati ai margini delle campagne circostanti. E' una infinita sequela di immondizia. Di tutto, dai materassi alle sedie, a buste di ogni tipo e dimensione piene di ogni porcheria. Squarciate dai cani randagi.
Viene da piangere, non ci andate.
Non c'è pietà per la nostra madre terra, per gli uliveti che ci hanno nutrito, per il terreno da cui tutto nasce. Un'offesa continua, incessante, impunita. Perché gli inquinatori decidano di lanciare immondizia in giro non lo capirò mai, visto che vengono a prendertela da sotto casa. E' una faccenda che incrocia ataviche questioni storiche che hanno bloccato lo sviluppo di un intero popolo.
Ma non capisco perché non si collocano delle videocamere almeno sulle complanari, almeno un soggetto su mille potrebbe pagarla una multa per lo scempio che compie.
Non ho risposte. Solo la miracolosa presenza di un gruppo di giovani angeli, il gruppo "Two hands" che sta ripulendo, con precise ed organizzate azioni, alcuni luoghi della nostra Città. Sono degli angeli, ma non basta. Dopo che passano loro, tempo due giorni si insozza di nuovo tutto. E' un gioco perverso. Ma si deve un inchino a questi ragazzi. Bravi. Resistete, resistiamo.
E' un popolo, il nostro, con ben poche speranze.
Un cittadino senza speranza".
    © 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.