Mascherina
Mascherina

Mascherine ovunque a Lama Martina: «Grave danno all'ambiente»

Segnalazione nel polmone verde di Molfetta

Prosegue il problema inciviltà nel parco naturale di Lama Martina: negli ultimi mesi sono stati diversi gli episodi e le segnalazioni in cui è emerso scarso rispetto nei confronti dell'ambiente. Ultimo caso su tutti riguarda la perenne presenza di mascherine lasciate a terra, con grave danno alla natura.

"Se dovessimo dare una forma ed un nome ai rifiuti più comuni presenti in lama negli ultimi due anni - fanno sapere sul canale ufficiale di comunicazione del parco - non possiamo non pensare alle mascherine. Difatti, se da una parte le suddette mascherine ci permettono di respirare e difenderci dalla pandemia, è pur vero che una volta abbandonate, soffocano l'ambiente. Spesso, sono ingerite da molti animali (soprattutto acquatici) e, nel tempo, inquinano il suolo".

"Possiamo trovare mascherine abbandonate pressoché ovunque: Tra le siepi, sotto i sassi, incastrate tra le pietre dei muretti a secco, sulle cime degli alberi e persino aggrovigliate tra le zampe di alcuni uccelli. Inoltre, la loro particolare leggerezza, fa si che il vento, come l'acqua piovana, le trasporti per lunghe distanze. Nonostante tutto, non possiamo certo incolpare i fenomeni naturali per la presenza delle mascherine abbandonate in lama Martina. Infatti, il reale colpevole è solo uno, ossia l'essere umano. In altre parole, Noi" aggiungono.

"Facciamo appello - concludono - al buon senso dei visitatori e turisti. Qualora la mascherina dovesse sfuggirvi di mano, non abbandonatela. Portatela con voi. Successivamente, conferite quest'ultima negli appositi raccoglitori per la raccolta differenziata. Ormai il nome "Molfetta" fa rima con "Lama Martina". Dimostriamo di meritarci tutto ciò!".
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.