Vincenzo Vittorio Zagami e Felice Petruzzella
Vincenzo Vittorio Zagami e Felice Petruzzella
Cronaca

La Cassazione annulla la misura cautelare per Zagami

Accolto il ricorso del suo legale, l'avvocato Petruzzella. Annullati gli arresti domiciliari

La Corte di Cassazione ha annullato la misura cautelare del Tribunale di Alessandria disposta per Vincenzo Vittorio Zagami. L'uomo era stato arrestato lo scorso 12 gennaio e posto ai domiciliari per il reato di appropriazione indebita. Ieri la Cassazione ha accolto il ricorso del suo legale, l'avvocato Felice Petruzzella.

All'uomo, già coinvolto in passato in varie vicende giudiziarie, la Procura di Alessandria gli contestò l'appropriazione​ indebita, chiedendo ed ottenendo il carcere, ma il 18 febbraio scorso il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Alessandria, Aldo Tirone, constatando «incrinata la gravità del quadro indiziario - è scritto - venendo compromessa allo stato la credibilità del querelante», gli revocò gli arresti domiciliari, restando comunque detenuto per una seconda causa.

La Procura di Alessandria, però, impugnò il provvedimento di revoca presso il Tribunale della Libertà di Torino in sede di appello che accolse l'impugnazione della Procura e dispose una nuova misura cautelare domiciliare per Zagami. Che, naturalmente, si è opposto. Il suo avvocato, Petruzzella, si è dunque rivolto alla Corte di Cassazione che, ieri, ha accolto il ricorso avverso la decisione del Tribunale della Libertà di Torino annullando la custodia cautelare domiciliare di Zagami.

Sono stati, quindi, nuovamente annullati i domiciliari a carco dell'uomo ed è stato disposto un nuovo esame sulla vicenda. Il Tribunale di Torino, adesso, con una diversa composizione dei giudici, riprenderà in mano gli atti e dovrà rigiudicare la posizione di Zagami che, su Facebook, ha postato un selfie con Petruzzella.
  • Felice Petruzzella
  • Vincenzo Vittorio Zagami
Altri contenuti a tema
4 "Appaltopoli", Caputo e Lisena tornano liberi. Stop ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena tornano liberi. Stop ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso. Revocate anche le loro ultime misure cautelari
"Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso, accolte le istanze delle difese. Torna in libertà la Castriotta
Zagami torna in libertà. Ma non potrà tornare a Molfetta Zagami torna in libertà. Ma non potrà tornare a Molfetta Accolta la richiesta degli avvocati Ingroia e Petruzzella. È accusato di calunnia e minaccia a pubblico ufficiale
Udienza fiume al processo sul caso Zagami: sfilata di testimoni Udienza fiume al processo sul caso Zagami: sfilata di testimoni Ieri a Trani le deposizioni di Mercone, Zifarelli, Giuliano e Malerba. Prossima udienza il 2 luglio
Zagami, sorpresa in aula: in sua difesa anche l'ex pm Ingroia Zagami, sorpresa in aula: in sua difesa anche l'ex pm Ingroia Lunga dichiarazione spontanea del 55enne. Costituite 4 parti civili, anche il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati
Appalti pilotati, inammissibile il ricorso in Cassazione dei pm Appalti pilotati, inammissibile il ricorso in Cassazione dei pm La decisione oggi a Roma. Soddisfazione fra i legali di Mariano Caputo, Vincenzo Balducci e Oronzo Lisena
Giudizio immediato per Zagami: il Gip accoglie la richiesta della Procura Giudizio immediato per Zagami: il Gip accoglie la richiesta della Procura Con questa decisione si salta l'udienza preliminare: il 55enne, ai domiciliari, non opterà per riti alternativi
Zagami ottiene la prima revoca dei domiciliari, ma resta detenuto Zagami ottiene la prima revoca dei domiciliari, ma resta detenuto L'ordinanza è del gip Tirone di Alessandria, ma sul capo del 55enne resta il provvedimento di Trani
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.